Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/12375
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorFriolo, Riccardo-
dc.date.accessioned2016-03-30T08:57:04Z-
dc.date.available2016-03-30T08:57:04Z-
dc.date.issued2016-03-30-
dc.identifier.citationRiccardo Friolo, "L'EVOLUZIONE CARTOGRAFICO-CONOSCITIVA DEI LUOGHI RICONDOTTI ALLA ROTTA MARITTIMA VERSO IL POLO NORD", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 123-124-125 (2005), Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2005, pp. 297-308it_IT
dc.identifier.issn00449733-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/12375-
dc.description.abstractLe registrazioni cartografiche degli spazi marini interessati dalla banchisa accompagnano in sede Ctorica i reiterati tentativi di forzare i passaggi a Nord Ovest, a Nord Est e verso lo stesso Polo, nello sforzo di aprire nuove rotte commerciali, di estendere gli orizzonti della conoscenza urmana e di rafforzare le sfere di giurisdizione, controllo e potere. Dal contatto ravvicinato con il «Mare Congelato», conseguito nell'Atlantico settentrionale da Pitea di Marsiglia, una parabola storica secolare culminerà il 17 agosto 1977 col raggiungimento del Polo Nord da parte di una prima unità di superficie. La moderna produzione di cartografia nautica per il rilevamento dei ghiacci marini costituisce la base conoscitiva fondamentale della rotta polare e rafforza la sicurezza delle vie civili di Comunicazione tese nei bacini artici.it_IT
dc.description.abstractThe cartographic recordings of the sea areas affected by the polar ice pack have historically followed the attempts to force the North East and the North West Passages, and towards the Pole itself carried out in order to open new commercial routes, to extend human knowledge horizons, to strengthen the spheres of jurisdiction, control and power. From the first close contact with the «Congealed Sea», attained in the Northern Atlantic by Pytheas of Massalia, a historical path reached its peak on August 17, 1977, when the first surface vessel got to the North Pole. The modern production of nautical cartography about the recording of sea ice represents the essential basis for the polar route and it strengthens the Security of the communication civil ways located in the Arctic basins.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherEUT Edizioni Università di Triesteit_IT
dc.relation.ispartofseriesBollettino dell'Associazione Italiana di Cartografiait_IT
dc.relation.ispartofseries123-124-125it_IT
dc.titleL'EVOLUZIONE CARTOGRAFICO-CONOSCITIVA DEI LUOGHI RICONDOTTI ALLA ROTTA MARITTIMA VERSO IL POLO NORDit_IT
dc.titleΤΗΕ CΑRΤΟGRΑΡΗΙC-CΟGΝΙΤΙVΕ ΕVΟLUΤΙΟΝ OF THE PLACES LINKED TO THE MARITIME ROUTE ΤΟ ΤΗΕ ΝΟRΤΗ ΡΟLΕit_IT
dc.typeArticle-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1it-
item.openairetypearticle-
item.grantfulltextopen-
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 123-124-125
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Friolo.pdf501.78 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s)

451
checked on Nov 16, 2019

Download(s)

436
checked on Nov 16, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons