Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/12493
Title: Religious heritage in Italy: websites and geolocalization. A new appraisal
Il patrimonio religioso in Italia: siti web e geolocalizzazione. Un nuova valutazione
Authors: Rizzo, Raffaela Gabriella
Rizzo, Luca Simone
Keywords: Informazione geografica e geodatipatrimonio culturale religiosositi web religiosicartografiaGeo-information and geo-datareligious heritageecclesiastical websitescartography
Issue Date: 12-Apr-2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Raffaela Gabriella Rizzo, Luca Simone Rizzo, "Il patrimonio religioso in Italia: siti web e geolocalizzazione. Un nuova valutazione =Religious heritage in Italy: websites and geolocalization. A new appraisal", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia, 154 (2015), pp. 122-136
Series/Report no.: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia
154
Abstract: 
Al giorno d’oggi la creazione, l’archiviazione, l’accessibilità, interoperabilità
dei dati sul web sono sempre più pervasive. Sul web vengono
pubblicate diverse tipologie di basi di dati e/o geo-database - e
altre forme di informazioni fornite dalla rete – che affrontano vari
argomenti (scienza, medicina, trasporti, turismo ...) e sulla base di diverse
architetture. Tali banche dati possono essere private o pubbliche,
con accesso gratuito o a pagamento. In ogni caso l’argomento
dati è un campo continuo di riflessioni (Capineri, 2015). Un database
di dimensioni significative è quello della Chiesa cattolica italiana. Si
tratta di un inventario dei beni mobili o immobili su tutto il territorio
italiano. Chiunque può avere interesse a questo tipo di informazioni
(ad esempio istituzioni e singole persone).
Questo contributo si propone di trattare l’informazione geografica
concentrandosi sui siti religiosi in un periodo in cui il turismo religioso
è considerato come una risorsa importante per l’industria del
turismo, per lo sviluppo regionale/locale e non solo (Rizzo, 2016).
Siti web con basi di dati sul patrimonio religioso saranno oggetto di
indagine al fine di capire come collegare i dati religiosi (ad esempio
chiese, monasteri, luoghi di pellegrinaggio, santuari ...) con informazioni
geografiche e spaziali. Le suddivisioni religiose sono diverse da
quelle secolari: in Italia, ad esempio, le diocesi hanno confini diversi
rispetto alle province italiane, così come le regioni ecclesiastiche
sono diverse da quelle amministrative. Nell’era dei big data, come viene presentato il patrimonio religioso
nelle sue diverse tipologie? Qual è il livello di fruibilità delle piattaforme
da parte degli utenti del web? Come si può interagire con
esse? Come si possono costruire itinerari per raggiungere i punti di
interesse e come si possono collegare più punti?

Nowadays the creation, storage, accessibility, and interoperability
of data on the internet are more and more pervasive. Many different
kinds of databases and/or geo-databases are published on the internet,
along with other forms of information that deal with various
topics (e.g. science, medicine, transport and tourism), based on different
architectures. These websites can be private or public, and with or
without free access. However, the reflection is ongoing on these data
(Capineri, 2015). A significantly-sized database is that of the Italian
Catholic Church. It concerns an inventory of its movable or immovable
property throughout the entire Italian territory. Anyone could be
interested in accessing this kind of information (e.g. institutions and
individuals).
This contribution intends to deal with geographical information focusing
on the religious sites in a period in which religious tourism is
considered a significant asset for the tourism industry, for regional/
local development, and more (Rizzo L.S., 2016). Databases about religious
heritage are investigated in order to understand how they link
religious data (e.g. churches, monasteries, sites of pilgrimage, sanctuaries)
with geographical and spatial information. Religious subdivisions
are different from secular ones: in Italy, for example, dioceses
have different boundaries than the Italian provinces, and ecclesiastical
regions sometimes differ from administrative regions.
In the era of “big data” how are religious heritage and routes created
and represented? What is the level of usability by the website users?
How can they interact with such websites? Is creating itineraries to
reach POIs easy? Is linkng various POIs feasable?
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/12493
ISSN: 0044-9733
eISSN: 2282-472X
DOI: 10.13137/2282-472X/12493
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 154

Files in This Item:
File Description SizeFormat
R.G.RIZZO_L.S.RIZZO.pdf10.35 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 20

950
Last Week
1
Last month
checked on Oct 25, 2020

Download(s)

419
checked on Oct 25, 2020

Google ScholarTM

Check

Altmetric

Altmetric


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.