Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/12559
Title: L’agire comunicativo tra processi di democratizzazione, partecipazione e trasparenza. La conquista di una democrazia “di massa” nell’era della società dell’informazione
Authors: Suerz, Monica
Keywords: Società dell’InformazioneDemocraziaPoliticaMutazione antropologicaLibertà (informatica)
Issue Date: 20-Apr-2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Monica Suerz, "L’agire comunicativo tra processi di democratizzazione, partecipazione e trasparenza. La conquista di una democrazia “di massa” nell’era della società dell’informazione", in: Tigor: rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica A. VII (2015) n. 1, Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2016, pp. 59-71
Series/Report no.: Tigor: rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica
A. VII (2015) n. 2
Abstract: 
Il nuovo Millennio ha rappresentato il momento di
maggiore e diffusa attenzione sul nuovo paradigma tecnologico
basato sull’idea di una reciproca influenza tra
tecnologia e informazione e sulla generazione di nuovi
livelli di interconnessione nonché di nuovi effetti su tutti
i processi dell’esistenza umana L’era in cui viviamo è
infatti dominata dalle tecnologie di comunicazione e di
informazione, strumenti che pongono l’umanità intera
di fronte ad una nuova sfida politica, culturale e sociologica.
Esse aprono orizzonti che invitano l’uomo a ridefinire
sé stesso ed il suo agire comunicativo nell’ambiente
a-territoriale della virtualità. Tale ambiente infatti,
scevro di confini, prende le distanze dalle tradizionali
categorie di spazio e di tempo dando vita ad un’originale
epocalità spaziale che va a sovrapporsi allo spazio
materiale in cui l’individuo agisce e nel quale muta soprattutto
l’idea stessa di politica e di democrazia. Grazie alle particolarità endogene di queste nuove tecnologie,
si è diffusa l’idea che esse siano intrinsecamente democratiche,
in grado cioè di garantire e di determinare esiti
squisitamente democratici ai processi sociali. L’interrogativo
allora che tale breve disamina vuole porre e affrontare
è chiara: la tecnologia salva la democrazia o la
invade? Siamo di fronte ad una prospettiva ateniese con
la possibilità della democrazia diretta oppure ci apprestiamo
a vivere un’esperienza orwelliana con una macchina
“grande fratello” che governa le nostre vite?
Type: Book Chapter
URI: http://hdl.handle.net/10077/12559
ISSN: 2035-584x
Appears in Collections:15 Tigor: rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica - A. VII (2015) n. 2 (luglio-dicembre)

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Suerz.pdf110.54 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 50

756
checked on Jun 26, 2022

Download(s) 50

681
checked on Jun 26, 2022

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons