Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/12822
Title: Estensione e evoluzione della catchment area di un porto: metodi e casi applicativi
Authors: Dallara, Antonio
Bardi, Andrea
Mignani, Daniela
Keywords: Mercato potenzialeBacino di utenzaCatchment areaPorto di RavennaHinterland
Issue Date: 2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Antonio Dallara, Andrea Bardi, Daniela Mignani - Estensione e evoluzione della catchment area di un porto: metodi e casi applicativi, Rivista di Economia e Politica dei Trasporti, n. 1, art. 5.
Series/Report no.: Rivista di Economia e Politica dei Trasporti
1
Abstract: Il processo di containerizzazione delle merci e l’intermodalità hanno contribuito alla globalizzazione degli scambi commerciali e all’intensificazione dei rapporti dei porti con l’hinterland di riferimento. Lo sviluppo di servizi logistici avanzati lungo i corridoi di trasporto ha inciso sulla possibilità di ampliare gli hinterland, rendendoli anche discontinui rispetto alle regioni servite. Ciò ha contribuito ad accrescere, negli ultimi anni, l’attenzione nei confronti del rapporto tra porto e il suo bacino di riferimento. Ne è conseguita al contempo una crescente attenzione nei confronti della corretta stima dell’estensione ed evoluzione nel tempo della catchment area dei porti e degli elementi determinanti per l’accrescimento dell’attrattività degli stessi.. La capacità competitiva di un porto dipende dal coordinamento del porto con gli attori esterni che popolano l’intera supply chain. In questi termini assumono rilievo i collegamenti fisici e soprattutto immateriali del porto con l’hinterland, perché l’entroterra è elemento costitutivo della supply chain. Analizzare la capacità competitiva di un porto in modo compiuto significa pertanto considerare il porto come uno dei nodi della supply chain dei prodotti che in esso transitano. In letteratura si trovano numerosi modelli per la quantificazione dei flussi di merce. Nel paper se ne propone un adattamento per individuare i flussi di merce che dal bacino di utenza nazionale giungono in un porto per essere imbarcati e destinati all’esportazione. Esiste oggi una crescente necessità di utilizzare strumenti di stima dei flussi dei porti, con particolare riferimento agli hinterland di origine e destino delle merci. Tali strumenti debbono risultare in grado non solo di “fotografare” lo status quo, ma anche di documentare serie storiche “ampie”, ovvero sul medio e lungo periodo. Ciò appare necessario oggi più che in passato in ragione della rilevanza del tema rispetto all’ipotesi di nuova governance dei porti. Quanto più ogni singolo scalo portuale conosce la propria catchment area, tanto più risulterà perseguibile l’auspicabile obiettivo di giungere ad un coordinamento degli investimenti. Nelle pagine a seguire, viene analizzato il mercato effettivo e potenziale del porto di Ravenna, stimato attraverso l’utilizzo congiunto di modelli quantitativi e qualitativi.
URI: http://hdl.handle.net/10077/12822
ISSN: 2282-6599
Appears in Collections:Rivista di economia e politica dei trasporti (REPoT) (2016) 1

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
REPoT_2016(1)-5_Dallara-Bardi-Mignani.pdf600.34 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

573
Last Week
2
Last month
5
checked on Jul 19, 2018

Download(s)

374
checked on Jul 19, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.