Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/13014
Title: La crisi dell’integrazione europea
Authors: Mellace, Leonardo
Keywords: Unione europeaIntegrazione europeaBCEEuroCrisi economicaFederalismo europeoEuropa tedescaBretton WoodsCooperazione e solidarietàDeficit democratico
Issue Date: 2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Leonardo Mellace, "La crisi dell’integrazione europea", in: "Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica - A. VIII (2016) n. 1", pp. 53-65
Series/Report no.: Tigor: rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica
A. VIII (2016) n. 1
Abstract: La tradizione del federalismo europeo è un insieme di teorie differenti che vanno dalla riflessione di Altiero Spinelli, vero iniziatore del “progetto europeo”, a quelle più recenti di pensatori come Barbara Spinelli, Ulrich Beck e Claus Offe. Studiare l’Europa nella sua formazione, a partire dalla sua genealogia, è importante per comprendere la sua lenta evoluzione e, ancora meglio, la situazione attuale. Che si sia d’accordo con il tradizionale federalismo spinelliano, o che si parli di una ”Europa in trappola”, per dirla come Offe, o che si guardi al federalismo come europeizzazione, per dirla come Beck, risulta chiaro che la letteratura in tema di integrazione europea è tanta e vasta. L’Eurocrisi, tuttavia, ha dimostrato che c’è la necessità di parlare di integrazione non soltanto nei circoli accademici o nei gruppi federalisti europei, ma anche all’interno dell’arena politica. Una situazione, quella attuale, che mostra un’Europa a due velocità, divisa in Stati creditori da un lato e Stati debitori dall’altro. Un progetto, quello europeo, che ha messo insieme Stati con economie completamente diverse e che ha contribuito, per questo, alla crisi economica attuale. Le misure di austerità, bocciate dalla storia, per riprendere Keynes, non hanno dato i risultati sperati; d’altro canto misure come la mutualizzazione del debito non appaiono praticabili. Nonostante queste considerazioni di base, gli attuali Stati europei, malgrado le temporanee marce indietro nei periodi pre-elettorali, continuano a domandare più integrazione perché sanno che uniti si è più forti, specie in un mondo globalizzato. Un vero cambiamento dell’Europa potrà esserci soltanto se a cambiare sarà l’assetto politico europeo, correggendo il deficit democratico per esempio, e se ci sarà una mobilitazione dal basso di cittadini e movimenti, così da non ridurre il progetto europeo ad un progetto delle elites.
URI: http://hdl.handle.net/10077/13014
ISSN: 2035-584x
Appears in Collections:16 Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica. A. VIII (2016), n. 1 (gennaio-giugno)

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Mellace_TIGOR_XV.pdf105.56 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

313
checked on Oct 17, 2018

Download(s)

391
checked on Oct 17, 2018

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons