Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/13086
Title: Le migrazioni forzate nell’Europa sovietica
Authors: Ferrara, Antonio
Issue Date: 2-Nov-2016
Series/Report no.: Storia in città 2016. Fare spazio. migranti, esuli e rifugiati di ieri e di oggi
Abstract: Tra il 1930 e il 1953, milioni di europei furono deportati, espulsi o altrimenti costretti ad emigrare da regioni sotto il controllo dell’Unione Sovietica, in molti casi in direzione della Siberia e dell’Asia centrale. Particolarmente colpite, in termini relativi, furono le regioni annesse all’URSS nel 1939, dove alle repressioni sovietiche si aggiunsero gli effetti delle politiche di deportazione e sterminio attuate non solo dai nazisti, ma anche da movimenti nazionalisti locali, come accadde in Ucraina e nei paesi baltici.
URI: http://hdl.handle.net/10077/13086
Appears in Collections:Storia in città 2016. Fare spazio. migranti, esuli e rifugiati di ieri e di oggi

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Presentazione lezione.pdfpresentazione lezione1.84 MBAdobe PDFView/Open
Ferrara_4.mp4video intervista Ferrara313.1 MBMP4View/Open
Ferrara4_1.mp4video intervista Ferrara136.21 MBMP4View/Open
Ferrara4_2.mp4video intervista Ferrara175.6 MBMP4View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

239
checked on Oct 18, 2018

Download(s)

185
checked on Oct 18, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.