Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/13694
Title: Sciogliere l’ambiguità del concetto di cultura. Corporeità e inconscio culturale
Authors: Bettinelli, Elena
Keywords: Comunicazione non verbaleCinesicaInculturazioneInterculturalitàApprendimentoCultura implicitaNonverbal communicationKinesicsBody languageLearningEnculturationImplicit culture
Issue Date: 2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Elena Bettinelli, "Sciogliere l’ambiguità del concetto di cultura. Corporeità e inconscio culturale", in: "Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica - A. VIII (2016) n. 2", pp. 71-77
Series/Report no.: Tigor: rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica
A. VIII (2016) n. 2
Abstract: La cultura in termini teorici e sintetici viene definita come un insieme simbolico, astratto, scelto e selezionato dall’uomo per generare ordine. Eppure questa parola ricorre nel discorso comune non solo con una frequenza eccessiva, ma spesso con significati ambigui con la tendenza a sovrapporsi a concetti che non la rappresentano correttamente. Si è dunque tentato di darne una definizione più specifica ricorrendo a una classificazione di Zygmunt Bauman. Inoltre, nel saggio viene sottolineata l’importanza del corpo non soltanto come fondamentale canale di comunicazione, ma come strumento che rende possibile l’ordine e il significato culturale in quanto entità che per prima interiorizza, inconsapevolmente, regole, abitudini, simboli inerenti alla cultura di appartenenza. La fisicità è quindi allo stesso tempo trasmissione culturale (sopravvivenza) e cultura vivente, in atto.
The culture in theoretical terms has been defined as a symbolic, abstract system that is selected by man to create order. Yet this word occurs in the common speech too frequently, often with ambiguous meanings with the tendency to overlap other concepts that do not represent it properly. This article tries to give a more specific definition using a classification of Zygmunt Bauman. In addition, the essay emphasizes the importance of the body not only as a key channel of communication, but as a tool that runs the culture as an entity that first internalizes, unknowingly, rules, habits, symbols related to culture of belonging. The physicality represents at the same time a form of cultural transmission (survival) and living culture.
URI: http://hdl.handle.net/10077/13694
ISSN: 2035-584x
Appears in Collections:17 Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica. A. VIII (2016), n. 2 (luglio-dicembre)

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Bettinelli_TIGOR_XVI_2016_2.pdf77.15 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

72
checked on Feb 23, 2018

Download(s)

155
checked on Feb 23, 2018

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons