Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/13955
Title: Traduttori, registi e interpreti: dal testo drammatico alla scena
Authors: Quazzolo, Paolo
Issue Date: 2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Paolo Quazzolo, "Traduttori, registi e interpreti: dal testo drammatico alla scena", in: Helena Lozano Miralles, Ana Cecilia Prenz Kopušar, Paolo Quazzolo, Monica Randaccio (a cura di), “Traduzione aperta, quasi spalancata: tradurre Dario Fo”, EUT Edizioni Università di Trieste, 2016, pp. 1-12.
Abstract: 
Nella storia del teatro occidentale la traduzione non è sempre stata ritenuta necessaria. Nell’età classica, quanto i testi venivano rappresentati quasi esclusivamente presso il pubblico per il quale erano stati composti, la traduzione era scarsamente praticata. E così fu in larga parte anche nel corso dell’età medioevale, quando le sacre rappresentazioni difficilmente passavano da una nazione all’altra, essendo preferita la prassi della riscrittura per ogni nuovo allestimento. I primi passi nel campo della traduzione teatrale vengono compiuti durante l’età dell’Umanesimo, quando si iniziano a tradurre in volgare i testi greci e latini. Il problema della traduzione viene tuttavia affrontato in modo concreto a partire dal Seicento quando in Italia si iniziano a proporre i tragici francesi. Da allora inizia un lungo dibattito che ha sempre più evidenziato come tradurre per la scena sia una prassi del tutto diversa da quella che riguarda letteratura: una buona traduzione per il teatro risponde ad alcuni bisogni fondamentali quali la pronunciabilità del testo, la spiccata capacità comunicativa e soprattutto la presa d’atto che lo spazio scenico è tridimensionale e, in quanto tale, prevede l’uso di codici legati sia al testo e alla parola, sia al movimento e alla dimensione visiva. Infine una traduzione per la scena non è per sempre: da un lato i gusti e le aspettative del pubblico cambiano con il passare del tempo e con il variare dei luoghi; dall’altro il regista richiede ogni volta una traduzione ad hoc in quanto essa deve rispecchiare le coordinate interpretative che egli dà al testo messo in scena.
Type: Book
URI: http://hdl.handle.net/10077/13955
ISBN: 978-88-8303-798-6
eISBN: 978-88-8303-799-3
Appears in Collections:Traduzione aperta, quasi spalancata: tradurre Dario Fo

Files in This Item:
File Description SizeFormat
quazzolo_LozanoFOonline.pdf100.34 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

225
checked on Apr 20, 2021

Download(s) 50

455
checked on Apr 20, 2021

Google ScholarTM

Check

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons