Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/13955
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorQuazzolo, Paolo-
dc.date.accessioned2017-03-16T08:51:38Z-
dc.date.available2017-03-16T08:51:38Z-
dc.date.issued2016-
dc.identifier.citationPaolo Quazzolo, "Traduttori, registi e interpreti: dal testo drammatico alla scena", in: Helena Lozano Miralles, Ana Cecilia Prenz Kopušar, Paolo Quazzolo, Monica Randaccio (a cura di), “Traduzione aperta, quasi spalancata: tradurre Dario Fo”, EUT Edizioni Università di Trieste, 2016, pp. 1-12.it_IT
dc.identifier.isbn978-88-8303-798-6-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/13955-
dc.description.abstractNella storia del teatro occidentale la traduzione non è sempre stata ritenuta necessaria. Nell’età classica, quanto i testi venivano rappresentati quasi esclusivamente presso il pubblico per il quale erano stati composti, la traduzione era scarsamente praticata. E così fu in larga parte anche nel corso dell’età medioevale, quando le sacre rappresentazioni difficilmente passavano da una nazione all’altra, essendo preferita la prassi della riscrittura per ogni nuovo allestimento. I primi passi nel campo della traduzione teatrale vengono compiuti durante l’età dell’Umanesimo, quando si iniziano a tradurre in volgare i testi greci e latini. Il problema della traduzione viene tuttavia affrontato in modo concreto a partire dal Seicento quando in Italia si iniziano a proporre i tragici francesi. Da allora inizia un lungo dibattito che ha sempre più evidenziato come tradurre per la scena sia una prassi del tutto diversa da quella che riguarda letteratura: una buona traduzione per il teatro risponde ad alcuni bisogni fondamentali quali la pronunciabilità del testo, la spiccata capacità comunicativa e soprattutto la presa d’atto che lo spazio scenico è tridimensionale e, in quanto tale, prevede l’uso di codici legati sia al testo e alla parola, sia al movimento e alla dimensione visiva. Infine una traduzione per la scena non è per sempre: da un lato i gusti e le aspettative del pubblico cambiano con il passare del tempo e con il variare dei luoghi; dall’altro il regista richiede ogni volta una traduzione ad hoc in quanto essa deve rispecchiare le coordinate interpretative che egli dà al testo messo in scena.-
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherEUT Edizioni Università di Triesteit_IT
dc.titleTraduttori, registi e interpreti: dal testo drammatico alla scenait_IT
dc.typeBook chapter-
dc.identifier.eisbn978-88-8303-799-3-
item.fulltextWith Fulltext-
item.grantfulltextopen-
Appears in Collections:Traduzione aperta, quasi spalancata: tradurre Dario Fo
Files in This Item:
File Description SizeFormat
quazzolo_LozanoFOonline.pdf100.34 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s)

124
checked on Apr 10, 2019

Download(s)

227
checked on Apr 10, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons