Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/13968
Title: Il grottesco nel teatro di Dario Fo e di Michel de Ghelderode
Authors: Benelli, Graziano
Issue Date: 2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Graziano Benelli, "Il grottesco nel teatro di Dario Fo e di Michel de Ghelderode", in: Helena Lozano Miralles, Ana Cecilia Prenz Kopušar, Paolo Quazzolo, Monica Randaccio (a cura di), “Traduzione aperta, quasi spalancata: tradurre Dario Fo”, EUT Edizioni Università di Trieste, 2016, pp. 103-109.
Abstract: 
Viene inizialmente sottolineato come Dario Fo, sia durante le prime rappresentazioni di 'Mistero Buffo', sia nelle prime pubblicazioni del testo, sentisse la necessità di creare uno stretto legame culturale tra la consolidata tradizione letteraria italiana e il suo testo, citando colti e importanti riferimenti bibliografici. Questo atteggiamento si giustifica probabilmente con la necessità di far fronte alle denunce (tanto infondate quanto infamanti) di blasfemia, provenienti dalla parte perbenista della società italiana. Ora ciò che sorprende è che tra queste fonti non sia mai stato citato Michel de Ghelderode, il drammaturgo belga che negli anni Trenta del Ventesimo secolo aveva in qualche modo anticipato 'Mistero Buffo', rappresentando nelle sue pièces personaggi evangelici improntati al grottesco. Il saggio propone alcune analogie tra questi due teatri.
Type: Book Chapter
URI: http://hdl.handle.net/10077/13968
ISBN: 978-88-8303-798-6
eISBN: 978-88-8303-799-3
Appears in Collections:Traduzione aperta, quasi spalancata: tradurre Dario Fo

Files in This Item:
File Description SizeFormat
benelli_LozanoFOonline.pdf89.39 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 50

332
checked on Sep 27, 2022

Download(s) 50

416
checked on Sep 27, 2022

Google ScholarTM

Check

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons