Il mestiere dell'etimologo : [1] Collection home page

Browse
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Issue DateTitleAuthor(s)
2009Il mestiere dell’etimologoPfister, Max
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Subscribe to this collection to receive daily e-mail notification of new additions RSS Feed RSS Feed RSS Feed

Questa “lezione” si propone di mostrare in breve sintesi il laboratorio dell’etimologo illustrandone gli strumenti più importanti, prendendo cioè in considerazione la fonetica e la semantica, e sviluppando la storia della parola, fasi principali dell’analisi di ogni singola forma. Le voci prese qui in considerazione sono cascina ‘cerchio di legno entro cui si preme il latte rappreso per fare il cacio’ e cascina ‘casa colonica’ (1), chiappa ‘natica’ (2), carabina ‘fucile di precisione’ (3), codrione ‘estremità della schiena, ultime vertebre degli uccelli’ (4), carcame ‘carcassa’ (5), e l’italiano meridionale caruso ‘bambino’ (6). Seguono, in conclusione, alcune considerazioni di carattere fonetico, morfologico e semantico, che illustrano le difficoltà di chi si cimenta con l’etimologia, e, insieme, la necessità di disporre di materiali enormi di raffronto e di una lunga esperienza, che si appoggino sul lavoro di illustri predecessori.

Max Pfister, è nato il 1932 a Zurigo, ove ha studiato, perfezionandosi poi a Pisa, Parigi e Salamanca. È stato ordinario di Filologia romanza a Marburgo e, dal 1974, presso l’Università di Saarbrücken. Ha fondato e pubblica dal 1979 il Lessico Etimologico Italiano (LEI), uno dei monumenti dell’ultimo secolo in campo romanzo. Si è occupato di lessicologia galloromanza ed italiana, di occitanico, di storia delle lingue francese e italiana, oltre che di interferenze tra le lingue germaniche e romanze. Editore della “Zeitschrifl für romanische Philologie” (1989-2000), presidente e presidente onorario della Società di filologia e linguistica romanza, socio corrispondente dell’Accademia di Magonza, di Lucca, della Crusca (Firenze), dell’Istituto Lombardo (Milano), dell’Institut de France (Académie des Inscriptions et des Belles Lettres, Parigi), e dell’Accademia dei Lincei (Roma). Ha ricevuto le lauree honoris causa dalle Università di Bari, Lecce, Torino, Roma (“La Sapienza”) e Palermo.

Discover