Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10077/15646
Campo DCValoreLingua
dc.contributor.authorSelva, Oriettait
dc.date.accessioned2017-10-19T07:45:08Z-
dc.date.available2017-10-19T07:45:08Z-
dc.date.issued2017-
dc.identifier.citationOrietta Selva, “Questioni di confine nell’Alto Adriatico: Veneziani e Imperiali Asburgici fra Cinquecento e Settecento”, in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia, 159 (2017), pp. 24-42it
dc.identifier.issn0044-9733-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/15646-
dc.description.abstractThis contribution offers an analysis of the relationship between the Republic of Venice and the Habsburg empire, which have long competed for the Upper Adriatic, thus creating an irregular “shifting boundary” between their properties. From the second half of the 16th century to the first half of the 18th century, supported by a series of cartographical documents, the geo-historical excursus highlights that, in the empire regions, the limes was conceived more as a border fringe, than as a boundary line dividing two political entities. Indeed, it included within itself regions of different jurisdictions, thus causing many fierce disagreements between the “Leone alato” and the “Aquila bifronte”.it
dc.description.abstractIl contributo propone una breve analisi sul rapporto tra la Repubblica di Venezia e gli Imperiali asburgici che per lungo tempo hanno fatto dell’Alto Adriatico l’oggetto del loro contendere, contribuendo a rendere il limite tra i loro possedimenti un “confine ambulante” dalle caratteristiche mobili e irregolari. L’excursus geo-storico dalla metà del Cinquecento alla metà del Settecento evidenzia, con il supporto di alcuni documenti cartografici, come negli Stati di Antico Regime il limes non avesse quel carattere di “linearità” che si è soliti attribuire al confine che divide due entità politiche ma piuttosto un carattere “areale” con andamento discontinuo, tanto da includere al proprio interno anche zone di pertinenza giuridica diversa, motivo questo di numerosi e acerrimi dissidi tra il Leone alato e l’Aquila bifronte.it
dc.language.isoitit
dc.publisherEUT Edizioni Università di Triesteit
dc.relation.ispartofBollettino dell'Associazione Italiana di Cartografiait
dc.relation.ispartofseriesBollettino dell'Associazione Italiana di Cartografiait
dc.relation.ispartofseries159it
dc.subjectconfiniit
dc.subjectboundaryit
dc.subjectquestioni confinarieit
dc.subjectcartografiait
dc.subjectAsburgoit
dc.subjectVeneziait
dc.subjectcommissioni confinarieit
dc.subjectboundary issuesit
dc.subjectcartographyit
dc.subjectVeniceit
dc.subjectHabsburgit
dc.subjectboundary commissionsit
dc.titleQuestioni di confine nell’Alto Adriatico: Veneziani e Imperiali Asburgici fra Cinquecento e Settecentoit
dc.typeArticle-
dc.identifier.doi10.13137/2282-572X/15646-
dc.identifier.eissn2282-572X-
item.fulltextWith Fulltext-
item.grantfulltextopen-
item.languageiso639-1other-
È visualizzato nelle collezioni:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 159
File in questo documento:
File Descrizione DimensioniFormato
AIC_159_Selva.pdf2.14 MBAdobe PDFMiniatura
Visualizza/apri
Visualizza la scheda semplice del documento


CORE Recommender

Page view(s)

173
checked on 10-apr-2019

Download(s)

446
checked on 10-apr-2019

Google ScholarTM

Check

Altmetric


Tutti i documenti archiviati in DSpace sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.