Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/19781
Title: Una enigmatica disposizione sepolcrale a Roma
Authors: Molle, Carlo
Keywords: CassiusGermanusvecturaTestacciomausoleumiscrizioni bilinguibilingual inscriptions
Issue Date: 2014
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Carlo Molle, “Una enigmatica disposizione sepolcrale a Roma” in: “Antichità Altoadriatiche LXXIX (2014). L'epigrafia dei porti”, EUT Edizioni Università di Trieste, Trieste, 2014, pp. 347-355
Journal: Antichità Altoadriatiche 
Part of: Antichità Altoadriatiche LXXIX (2014). L'epigrafia dei porti
Abstract: 
Si pubblica una lastra di marmo iscritta documentata nell'area del Monte Testaccio a Roma. Il
testo, frammentario, si distribuiva su otto linee di cui le prime sei in latino e le ultime due in greco.
Nell'epigrafe, che va inquadrata nel contesto di un grosso monumento funerario (mausoleum), è
riportata la concessione di un tale Germanus ad un Cassius Restitutus e a due Cassiae Potitae,
rispettivamente figlia e moglie di Restitutus. Oltre alla concessione, probabilmente relativa al diritto
di accesso e di sepoltura nel sepolcro, nell'iscrizione compare anche una diffida nei confronti di chi
volesse danneggiare i nomi dei tre Cassii, nonché un assai enigmatico riferimento a delle vecturae, che
potrebbero essere relative alle modalità di accesso all'area o al trasporto di merci. Alla fine è presente
una formula di saluto. Per una notevolissima coincidenza, i tre Cassii dell'epigrafe vanno identificati
con i personaggi già noti da CIL, VI 14517, iscrizione incisa sull'ara funeraria di Cassius Restitutus,
nota da secoli e conservata nei Musei Vaticani.

An inscribed marble slab, dacumented in the area of Monte Testaccia in Rome, is published.
The fragmentary text is eight lines long: the first six are in Latin and the last two in Greek. In the
inscription, which ought to have formed part af a big funerary monument (mausoleum), one finds a
concession made by a certain Germanus to a Cassius Restitutus and two Cassiae Potitae, respectively
daughter and wife of Restitutus. The concession probably concerns the right of accession and burial in
the monument. The inscription also bears a warning against anyone attempting to damage the names
af the three Cassii and a very cryptic hint to some vecturae, which might concern the modalities of
access to the area or af transportation of material. At the end, there is a greeting in Greek. By a very rare
coincidence, the three Cassii named in this inscription are to be identified with the persons reported
by CIL, VI 14517. This text, already known for centuries, is engraved on Cassius Restitutus's funerary
altar and is conserved in the Vatican Museums.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/19781
Appears in Collections:79 - Antichità Altoadriatiche LXXIX (2014)

Files in This Item:
File Description SizeFormat Existing users please Login
18-Molle_347-355.pdf834.71 kBAdobe PDF    Request a copy
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

53
checked on Oct 27, 2020

Download(s)

43
checked on Oct 27, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.