Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/19883
Title: Il fregio augusteo di Ravenna
Authors: David, Massimiliano
Keywords: AugustoGiulio Cesarearte augusteaMarco Vipsanio Agrippafamiglia Giulio-ClaudiaRavennaAugustusJulius Caesaraugustan artMarcus Vipsanius AgrippaJulio-Claudian family
Issue Date: 2015
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Massimiliano David, “Il fregio augusteo di Ravenna” in: “Antichità Altoadriatiche LXXXI (2015). Il Bimillenario Augusteo”, EUT Edizioni Università di Trieste, Trieste, 2015, pp. 141-157
Journal: Antichità Altoadriatiche 
Part of: Antichità Altoadriatiche LXXXI (2015). Il Bimillenario Augusteo.
Abstract: 
Nell'occasione di una campagna di nuovi rilievi condotti con laser-scanner, il presente lavoro riprende
in esame il così detto 'rilievo augusteo' del Museo Nazionale di Ravenna, composto da due ben noti
frammenti rinvenuti nel XVI secolo nella zona di S. Vitale. Nonostante le oscillazioni cronologiche della
critica, essi sono senza dubbio da inquadrare nel clima di riordino dell'assetto amministrativo dell'Italia e
ridisegno del territorio di Ravenna avviato dopo il 31 a.C. per iniziativa di Augusto e attuato per opera di
Agrippa. I due pezzi sono da riferire al fregio figurato di un tempio eretto in città tra il 13 e il 12 a.C. che
mostrava la serie delle sette divinità planetarie protettrici della gens Augusta che a Roma ebbero ospitalità
nel primo Pantheon fondato da Agrippa. Tale identificazione è rafforzata dal riconoscimento del sidus
Iulium posto sul capo di Cesare divinizzato, secondo l'iconografia diffusa a Roma e in Italia in occasione
della celebrazione del trentennale dell'entrata ufficiale della vittima delle Idi di marzo nella schiera degli
dèi celesti.

On the occasion of a new campaign of laser-scanner surveys, this paper considers the so-called 'Augustus Relief' in the National Museum of Ravenna. Formed by two well-known fragments found in the sixteenth century in the area of San Vitale, despite the chronological fluctuation of the recent criticism, it must be inserted in the climate of the administrative reorganization of ltaly and redesign of the territory of Ravenna started after 31 BC by Augustus and implemented by Agrippa. The two pieces are to be referred to the frieze of a temple erected in the city between 13 and 12 BC, showing the the seven planetary gods protectors of the gens Augusta, that in Rome had hospitality in the first Pantheon founded by Agrippa. T his identification is confirmed by the recognition of the 'Sidus Iulium' placed on the head of the deified Caesar, according to the iconography widespread in Rome and in Italy on the occasion of the celebration of the thirtieth anniversary of the official entry of the victim of the Ides of March in the ranks of the heavenly gods.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/19883
Appears in Collections:81 - Antichità Altoadriatiche LXXXI (2015)

Files in This Item:
File Description SizeFormat Existing users please Login
08-David_141-157.pdf2.42 MBAdobe PDF    Request a copy
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

46
checked on Oct 25, 2020

Download(s) 50

13
checked on Oct 25, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.