Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/19956
Title: I pesi parlano: i pondera metallici e lapidei iscritti nel museo archeologico nazionale di Aquileia
Authors: Sutto, Maria
Keywords: pesi metallicipesi lapideipesi a ciotolaAquileiacommerciometallic weightsstone weightscup weightstrade
Issue Date: 2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Maria Sutto, “I pesi parlano: i pondera metallici e lapidei iscritti nel museo archeologico nazionale di Aquileia” in: “Antichità Altoadriatiche LXXXIII (2016). Instrumenta inscripta VI”, EUT Edizioni Università di Trieste, Trieste, 2016, pp. 291-314
Journal: Antichità Altoadriatiche 
Abstract: 
Un recente "scavo" nei magazzini del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia ha portato alla raccolta di uno straordinario corpus di pesi per bilancia, sia metallici che lapidei, molti dei quali accompagnati da diverse tipologie di iscrizioni. Le informazioni fornite dal corredo epigrafico, di carattere prettamente pratico, contribuiscono a chiarire una serie di dinamiche riguardanti il commercio al minuto. Esse collocano in primis i pesi all'interno del loro originario contesto d'impiego: le piccole tabernae, i porti e i mercati. Le indicazioni ponderali, le abbreviazioni di nomi dei possessori e le cifre forse da associare alla posizione occupata dal manufatto all'interno di serie di pondera utilizzati in uno stesso luogo sono un'importante fonte di informazione sul commercio spicciolo, dove la rapidità di identificazione dell'oggetto costituiva la necessità primaria. Uscendo dalle strade gremite di venditori e acquirenti, il potenziale informativo dei pesi iscritti si estende anche alla dimensione statale. I pondera examinata aquileiesi, con certificazione dell'avvenuta calibrazione sulla base dei pesi ufficiali conservati presso il tempio dei Castori a Roma, illuminano un altro importante tassello della fervente vita commerciale della colonia: la necessità di garanzia ed esattezza assicurata da tali manufatti, che diventano metafora della longa manus delI' Urbs.

After a long series of investigations and fortuitous findings, a recent "excavation" in the warehouses of Aquileia's Archaeological Museum has led to the collection of an extraordinary corpus of metallic and stone balance weights whose many of them were inscribed. The information provided by the inscriptions, which were mainly of practical nature, enable the comprehension of the ancient retail trade's organization. In fact, indications like the weight, the owner's names' abbreviations and numbers (which probably show the position of the artefacts within series of pondera used in the same piace), reveal how the celerity of the weight's identification was essential in the ancient trade. In that way, the inscribed weights' informative potential spreads to a larger reality. The pondera examinata of Aquileia, whose the officiai weight calibration is based on the specimens kept in the tempie of Castor in Rome, clarify another important element of the Aquileia's intense commercial life: the need of guarantee and accuracy insured by these artefacts, that become a metaphor of the Rome's longa manus.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/19956
Appears in Collections:83 - Antichità Altoadriatiche LXXXIII (2016)

Files in This Item:
File Description SizeFormat Existing users please Login
17-Sutto_291-314.pdf2.48 MBAdobe PDF    Request a copy
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

46
checked on Oct 28, 2020

Download(s)

309
checked on Oct 28, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.