Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/19983
Title: Tituli picti con datazione consolare su anfore vinarie italiche: indagini preliminari
Authors: Rigato, Daniela
Mongardi, Manuela
Keywords: tituli pictidatazione consolareanfore vinarie italichevinopainted inscriptionsconsular datesItalic wine amphoraewine
Issue Date: 2016
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Daniela Rigato, Manuela Mongardi, “Tituli picti con datazione consolare su anfore vinarie italiche: indagini preliminari” in: “Antichità Altoadriatiche LXXXIII (2016). Instrumenta inscripta VI”, EUT Edizioni Università di Trieste, Trieste, 2016, pp. 101-129
Journal: Antichità Altoadriatiche 
Part of: Antichità Altoadriatiche LXXXIII (2016). Instrumenta inscripta VI
Abstract: 
L'indagine proposta si focalizza sulla raccolta e l 'analisi globale delle iscrizioni dipinte con data consolare presenti su anfore vinarie italiche. Questo tipo di iscrizioni compare principalmente su anfore Dressel I e Dressel 2-4, prodotte nell'area costiera tirrenica italiana. L'analisi dei dati ha evidenziato una grande varietà sia per quanto concerne la modalità di espressione della data consolare sia per il tipo di informazioni accessorie (ad esempio i nomi dei vini, che possono derivare dalla località di produzione e/o dal nome delfundus). Per quanto concerne le date consolari, la maggior parte degli esempi raccolti reca soltanto una data, probabilmente connessa con l 'imbottigliamento del vino: un'interpretazione alternativa come indicazione della produzione del vino risulta difficile, poiché i consoli documentati dai tituli picti erano in carica in periodi diversi dell'anno. Talvolta si hanno due date riferibili, rispettivamente, all'anno di produzione - espresso dai termini vindemialnatum o dall'indicazione dell'invecchiamento del vino - e alla diffusio del vino. La mancanza di sistematicità nella struttura dei tituli picti può essere interpretata come un chiaro segnale della natura informale di queste iscrizioni, connesse a un prodotto non sottoposto a controlli annonari.

This paper focuses on the collection and the overall analysis of the painted inscriptions with consular date on ltalic wine amphorae. This kind of inscriptions are beared mainly on Dressel I and Dressel 2-4 amphoras produced along the Tyrrhenian coastal area of ltaly. The research has pointed out a great variety both in the expression of these dates and in the kind of extra information (e.g. the wine names, which can originate from the production piace and/or the name of the fundus). As for the consular dates, the most part of the examples collected bears only one date, probably connected to the wine bottling; an interpretation as indication of the wine production is difficult because the consuls documented on tituli picti were in office in different periods of the year. Sometimes we have two dates, which are respectively referred to the year of production - expressed by the words vindemia/natum or by the indication of the wine ageing - and to the wine diffusio. The lack of orderliness in the tituli picti structure can be interpretated as a clear signal of the informal nature of these inscriptions, which are connected to the wine, a product that was not controlled by the annona.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/19983
Appears in Collections:83 - Antichità Altoadriatiche LXXXIII (2016)

Files in This Item:
File Description SizeFormat Existing users please Login
07-Rigato-Mongardi_101-129.pdf2.29 MBAdobe PDF    Request a copy
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

41
checked on Oct 27, 2020

Download(s)

198
checked on Oct 27, 2020

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.