Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10077/21877
Titolo: Gli investimenti cinesi lungo la nuova via della seta marittima: il ruolo dell’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB)
Autore/i: Panaro, Alessandro
Ferrara, Olimpia
Parole chiave: Belt & Road Initiativeporti
Data: 2017
Editore: EUT Edizioni Università di Trieste
Citazione: Alessandro Panaro, Olimpia Ferrara (2017) Gli investimenti cinesi lungo la nuova via della seta marittima: il ruolo dell’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB), Rivista di Economia e Politica dei Trasporti, n. 3, art. 1
Abstract: Il presente lavoro, dall’approccio teorico, si propone di esaminare i recenti investimenti cinesi volti a costruire una unica via di collegamento tra i paesi dell’Eurasia denominata “Belt and Road Initiative” (BRI). La BRI è un grande progetto infrastrutturale volto a costruire e/o potenziare due grandi direttrici di traffico: “la via della Seta Terrestre” e “la Nuova via della Seta Marittima”. Questo studio si concentrerà specificatamente sulla direttrice marittima. Tale moderna iniziativa strategica mira a migliorare i collegamenti e la cooperazione “via mare” tra l’Europa, l’Asia e i paesi del Mediterraneo. Gli investimenti previsti per realizzare il progetto toccheranno anche l’Italia. L’Italia, difatti, data la sua posizione strategica nel contesto marittimo, rappresenta la naturale porta di ingresso per i prodotti cinesi e rappresenta inoltre la cerniera tra l’estremo oriente, l’Europa e il nord Africa. All’Italia la strategia cinese ha difatti già assegnato un ruolo marittimo chiave attraverso l’indicazione di Venezia come “terminale” della nuova via della seta marittima. In particolare, come si evidenzierà nel lavoro, le opportunità per le aziende e i porti italiani deriveranno principalmente dalla partecipazione ai progetti finanziati dall’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB). In conclusione, il lavoro mirerà ad evidenziare come la nuova via della seta marittima oltre a costituire il più grande progetto infrastrutturale del mondo moderno, potrà avere anche forti implicazioni geo-politiche che determinano un ritorno alla centralità del Mediterraneo. Il lavoro si articolerà pertanto come segue: dopo un inquadramento di scenario della BRI verranno approfonditi i principali progetti di investimento dell’AIIB in particolare lungo la nuova via della seta marittima. Successivamente, verranno evidenziate le ricadute possibili per la portualità italiana per poi pervenire alle considerazioni conclusive.
URI: http://hdl.handle.net/10077/21877
ISSN: 2282-6599
DOI: 10.13137/2282-6599/21877
È visualizzato nelle collezioni:Rivista di economia e politica dei trasporti (REPoT) (2017) 3

File in questo documento:
File Descrizione DimensioniFormato
REPoT_2017(3)-1_Panaro-Ferrara.pdf1.01 MBAdobe PDFMiniatura
Visualizza/apri
Visualizza tutti i metadati del documento


CORE Recommender

Page view(s)

77
checked on 21-mar-2019

Download(s)

59
checked on 21-mar-2019

Google ScholarTM

Check

Altmetric


Tutti i documenti archiviati in DSpace sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.