Le prospettive architettoniche di Paolo Veronese. Analisi grafica e restituzione di alcuni teleri : [1] Collection home page

Browse
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
PreviewIssue DateTitleAuthor(s)
premioEUT_Masserano_copertina.jpg.jpg2018Le prospettive architettoniche di Paolo Veronese. Analisi grafica e restituzione di alcuni teleriMasserano, Silvia
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Subscribe to this collection to receive daily e-mail notification of new additions RSS Feed RSS Feed RSS Feed

La ricerca esamina l’impalcato delle prospettive architettoniche realizzate da Paolo Caliari (Veronese) in due tipologie di teleri veneziani per comprendere le modalità che governano gli sfondati di queste pitture. Dopo aver delineato l’ambito culturale entro il quale il maestro operava, il modus operandi della sua bottega, e vagliato i contenuti dei trattati prospettici coevi, lo studio analizza la geometria dei teleri dipinti dal pittore per refettori e chiese per poi approfondire l’indagine in due casi studio: il Convito in casa di Levi (1573) e l’Apoteosi di Venezia (1582).


Silvia Mass erano, laureata allo IUAV di Venezia, è stata assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano con il programma “Rilievo e restituzione prospettica di architetture dipinte in ambito veneto/friulano con l’uso di tecnologie avanzate” (2014). Ha ricevuto la Menzione Gaspare De Fiore 2017 dalla UID e, con A. Sdegno, ha all’attivo varie pubblicazioni per convegni. I risultati ottenuti hanno attestato le cognizioni prospettiche del pittore e l’abilità con la quale spesso egli infrangeva il rigore del metodo per produrre efficaci illusioni spaziali. Le considerazioni emerse dall’analisi del bozzetto dell’Apoteosi di Venezia e dai soffittali esaminati hanno anche consentito di ipotizzare l’uso di un sistema diretto di costruzione prospettica da parte dell’officina Caliari.