Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/22510
Title: Il "corpo ebreo" nel post Shoah. Memoria, estetiche, sguardo (e nuove stereotipie dell’immagine)
Authors: Spanu, Massimiliano
Keywords: narrazioni sulla Shoahstereotipizzazioni razzistejew’s bodycorpo ebreo
Issue Date: 2018
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Massimiliano Spanu, "Il 'corpo ebreo' nel post Shoah. Memoria, estetiche, sguardo (e nuove stereotipie dell’immagine)", EUT Edizioni Università di Trieste, Trieste, 2018, pp. 141
Pages: 141
Abstract: 
Il jew’s body è un luogo d’immaginari riproposti e intrecciati in diverse produzioni testuali, scritte e orali: quelle audiovisive e cinematografiche, fotografiche, videoartistiche e digitali inerenti a testimonianze e narrazioni sulla Shoah, il suo popolo, la storia, la cultura e la nazione ebraica. Jew’s body è oggetto dello sguardo orientato alle più infami stereotipizzazioni razziste e alle propagande falsificanti più feroci, al fine ultimo della distruzione d’un popolo intero.
Attraverso e con il “corpo ebreo” al cinema si dipanano vicende d’odio, di scontro sociale e culturale, risultato di segregazioni, scomparse e talvolta riaffioramenti, magari nelle emancipazioni in atto: ad esempio, quelle “scandalose” del mondo LGBT, ma più in genere femminili rispetto al mondo maschile tradizionale.
Il “corpo ebreo” al cinema è dunque carne, narrazione, simbolo, voce della storia e del popolo; esso è, simmetricamente, significante e/o metafora dei paesi e delle popolazioni “altre”, spesso avverse, ma necessarie a una definizione identitaria altrimenti fragile o assente in un periodo nel quale l’iconosfera e i suoi immaginari vanno sostituendo le figure del Sacro. Il jew’s body, dunque, è anche il rimosso nella costruzione dei muri, a delimitare reclusioni vergognose e perimetri propri, ma asfittici.
Per jew’s body, soprattutto in audiovisivo, s’intende l’archivio, la textura e la vulgata, il dato storico squassante, il ricordo impossibile e in absentia: è ebrea la vittima di uno sguardo che ne ha cercato la rimozione bio-politica. Ma il jew’s body è anche il vettore essenziale dell’affermazione
di un sentimento di rinascita nazionale e transnazionale, che lo accomuna (o così dovrebbe fare) a quello delle minoranze avversate in ogni tempo e luogo in Terra.
Il corpo ebreo di volta in volta incarna la Parola o il Verbo tradito; lo stato militare nell’assedio subìto, la disseminazione, la gettatezza e il genio apolide; la tradizione religiosa millenaria e le mitologie del racconto yiddish.
Il corpo ebreo è la questione vivissima dell’inaggirabile, inconcepibile vicenda della Shoah, dopo la quale è doveroso, se non necessario, soprattutto al cinema, misurarsi nel cimento della veridizione, della ricerca inestinguibile della Verità.
URI: http://hdl.handle.net/10077/22510
ISBN: 978-88-8303-994-2
eISBN: 978-88-8303-995-9
Rights: Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 Internazionale
Appears in Collections:Il “corpo ebreo” nel post Shoah. Memoria, estetiche, sguardo (e nuove stereotipie dell’immagine)

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Corpo_ebreo_Spanu.pdffull text25.33 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
spanu_corpo-ebreo.pngfront cover110.19 kBimage/pngThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

125
checked on Jul 14, 2019

Download(s)

124
checked on Jul 14, 2019

Google ScholarTM

Check

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons