Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10077/22580
Titolo: La stima della domanda di auto elettriche basata sulla metanalisi
Autore/i: Giansoldati, Marco
Rotaris, Lucia
Danielis, Romeo
Scorrano, Mariangela
Parole chiave: metanalisiauto elettricheauto endotermichescenari
Data: 2017
Editore: EUT Edizioni Università di Trieste
Citazione: Marco Giansoldati, Lucia Rotaris, Romeo Danielis, Mariangela Scorrano (2017) La stima della domanda di auto elettriche basata sulla metanalisi, Rivista di Economia e Politica dei Trasporti, n. 2, art. 5
Abstract: Il presente contributo utilizza 36 studi primari per ricavare, tramite la tecnica della metanalisi, i valori dei coefficienti della funzione di domanda di auto elettriche in Italia. Gli studi primari, realizzati a livello internazionale a partire dal 1980, si basano su dati di preferenza dichiarata. La metanalisi permette di calcolare il summary effect per il prezzo di acquisto, efficienza energetica, i costi operativi e le emissioni (attributi generici), l’accelerazione, il tempo di ricarica e l’autonomia di percorrenza (attributi specifici). Si ipotizza che i coefficienti calcolati si distribuiscano in modo stocastico e vengono impiegati per confrontare coppie di veicoli della stessa marca, uno con alimentazione elettrica e l’altro con alimentazione non elettrica. I risultati mostrano che 1) a livello di status quo l’opzione elettrica è scelta con limitata frequenza, con un valore minimo di 1.33% per la Renault Zoe Life Q90 Life ed uno massimo di 2.54% per la BMW i3 125 kW 94 Ah, talvolta sottostimando o sovrastimando le effettive quote di mercato del veicolo elettrico rispetto al corrispettivo non elettrico della marca analizzata; 2) il raddoppio dell’autonomia determina un incremento della probabilità di acquisto maggiore rispetto all’introduzione di un sussidio che è a sua volta, notevolmente superiore all’effetto delle emissioni; 3) l’inclusione dei costi operativi determina una fortissima preferenza per le auto elettriche con probabilità superiori al 9%. Alla luce dei risultati ottenuti con il modello da noi elaborato, la concessione del sussidio non pare essere decisiva per la penetrazione dei veicoli elettrici per cui se ne raccomanda un uso mirato a quei settori in cui l’efficacia è più elevata (taxi e trasporto urbano delle merci). L’incentivazione a favore della ricerca pubblica e privata finalizzata allo sviluppo di batterie che consentano una maggiore autonomia di percorrenza è una misura importante. Le politiche di internalizzazione dei costi ambientali e di regolamentazione all’accesso basata su criteri di efficienza ambientale sono necessarie per stimolare la penetrazione dei veicoli elettrici. Gli strumenti comunemente adottati per rendere vantaggiose le automobili elettriche in termini di costo totale del possesso - quali l’azzeramento della tassa annuale di circolazione e dei costi di accesso e parcheggio ai centri storici, ormai sperimentati in diverse città italiane - sono decisamente da confermare e rafforzare.
URI: http://hdl.handle.net/10077/22580
ISSN: 2282-6599
DOI: 10.13137/2282-6599/22580
È visualizzato nelle collezioni:Rivista di economia e politica dei trasporti (REPoT) (2017) 2

File in questo documento:
File Descrizione DimensioniFormato
REPoT_2017(2)-5_Giansoldati_Rotaris_Danielis_Scorrano.pdf1.29 MBAdobe PDFMiniatura
Visualizza/apri
Visualizza tutti i metadati del documento


CORE Recommender

Page view(s)

42
checked on 10-apr-2019

Download(s)

38
checked on 10-apr-2019

Google ScholarTM

Check

Altmetric


Tutti i documenti archiviati in DSpace sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.