Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/22651
Title: Futuri sospesi: tra Europa e Nazione, il caso Italy
Authors: Ieraci, Giuseppe 
Issue Date: 4-Dec-2018
Abstract: La crisi dell’UE e lo “scontro tra nazioni” che si delinea al suo interno impongono che ci si interroghi sul funzionamento della democrazia. La teoria democratica descrive il processo democratico come un circuito elettori-rappresentanti-classe politica-decisione. Altri assunti della teoria democratica riguardano la relativa impermeabilità delle singole arene nazionali e una interdipendenza delle decisioni relativamente modesta. Tuttavia oggi le arene decisionali nazionali hanno perduto parte della loro sovranità, a seguito dei processi d’integrazione sopranazionale (come nel caso dell’Unione Europea, oppure dell’affermarsi dei regimi internazionali, o ancora per l’azione di alcuni attori come la Banca Mondiale o il Fondo Monetario Internazionale), e le decisioni nazionali si ripercuotono nell’arena mondiale, per effetto delle interdipendenze dei mercati. Chi decide (o condiziona fortemente la decisione) sta fuori dal circuito nazionale elettori-rappresentanti-classe politica-decisione. Si delineano così tre fenomeni che hanno una influenza notevole sulla vita politica delle nazioni. In primo luogo, si osserva la dualità della leadership nelle democrazie contemporanee. Le élite internazionali e i funzionari che operano attraverso le organizzazioni e i regimi internazionali esercitano un controllo effettivo sul raggio d’azione delle classi politiche nazionali, quindi queste élite e questi funzionari svolgono un’azione pubblica. In secondo luogo, questa azione pubblica è svolta da un funzionariato inquadrato in ruoli burocratici in grandi organizzazioni capaci d’intervento a livello planetario e l’azione di condizionamento di questo funzionariato e di queste organizzazioni si spersonalizza e si automatizza. Il controllo sul raggio d’azione delle classi politiche nazionali esercitato da queste élite internazionali, assume il carattere dell’ineludibilità ed entra in conflitto con gli interessi presenti nei domini nazionali. In terzo luogo, su queste élite internazionali non agisce alcun controllo elettorale democratico, esse non sono responsabili (accountable) delle decisioni che impongono o condizionano fortemente. Il caso italiano e il populismo come fenomeno si collocano su questo sfondo, in una tensione tra processi di mondializzazione (o di interdipendenza) e chiusura nazionalistica dello spazio politico.
URI: http://hdl.handle.net/10077/22651
Appears in Collections:Mappe del futuro tra immaginazione e realtà. Rogers Shorts

Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

20
Last Week
1
Last month
7
checked on May 27, 2019

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.