Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/22818
Title: La luce per vedere le molecole
Authors: Zangrado, Ennio
Issue Date: 10-May-2018
Abstract: Perché il diamante ha una sorprendente durezza e la cera di una candela è molle? Perché il sangue è rosso e le foglie sono verdi? La risposta a queste domande è insita nella struttura delle sostanze! Grazie alla cristallografia a raggi X, gli scienziati possono studiare i legami chimici che uniscono gli atomi. L’attuale comprensione e concezione della natura della materia nel mondo in cui viviamo è fortemente basata sulle conoscenze apportate da questa tecnica. Per sottolinearne l’importanza basti pensare che la storia della cristallografia è costellata da una trentina di premi Nobel collegati o che hanno implicato l'uso di metodi e tecniche cristallografiche.
Ennio Zangrando, laureato in Chimica presso l'Università degli Studi di Trieste, dal 1983 è ricercatore universitario e attualmente professore ordinario di Chimica Generale ed Inorganica per il corso di Laurea in Farmacia. L’interesse del Prof. Zangrando è rivolto principalmente alla determinazione strutturale di piccole molecole con l’uso dei raggi X da sorgenti convenzionali. È autore di più di più di 350 pubblicazioni su riviste internazionali ad ampia diffusione. I risultati delle ricerche, oltre che nelle pubblicazioni, sono stati illustrati con in vari convegni nazionali ed internazionali.
URI: http://hdl.handle.net/10077/22818
Appears in Collections:Caffè delle Scienze e delle Lettere 2018

Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

19
Last Week
0
Last month
5
checked on May 20, 2019

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.