Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/22829
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorSPITALERI, FABIO-
dc.date.accessioned2019-02-25T12:35:41Z-
dc.date.available2019-02-25T12:35:41Z-
dc.date.issued2018-11-15-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/22829-
dc.description.abstractLa cronaca recente ha divulgato immagini che hanno scosso la Comunità mondiale. Si tratta delle fotografie dei figli dei migranti messicani, separati dai genitori e rinchiusi in gabbie. Le immagini sollevano questioni profonde. La separazione delle famiglie dei migranti e la detenzione dei minori è ammessa? Se questi fatti si verificassero in Europa, il nostro sistema giuridico e la nostra opinione pubblica come reagirebbero?it
dc.description.abstractFabio Spitaleri già referendario alla Corte di giustizia UE, è ricercatore e professore aggregato di Diritto dell’Unione Europea presso l’Università di Trieste.it
dc.language.isoitit
dc.titleLa detenzione dei bambini migranti tra memoria e indifferenzait
dc.typeOtherit
item.grantfulltextnone-
item.languageiso639-1other-
item.fulltextNo Fulltext-
Appears in Collections:Caffè delle Scienze e delle Lettere 2018
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s)

13
Last Week
1
Last month
5
checked on Jun 11, 2019

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.