Candele in riva mare

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/23233
Title: Candele in riva mare
Authors: Tomea, Fiorenzo
Issue Date: 1950
Abstract: 
All’Esposizione nazionale di pittura italiana contemporanea allestita nell’aula magna dell’ateneo triestino nel 1953, Fiorenzo Tomea aveva presentato Solitudine, un dipinto del 1949 che ripercorreva una tematica, quella dello scheletro in meditazione, affrontata a più riprese negli anni precedenti, sin dal dipinto di analogo titolo del 1937. Il quadro, oggi in una collezione privata di Milano, verrà in seguito presentato a numerose sue esposizioni, anche successive alla sua morte (cfr. Fiorenzo Tomea, catalogo della mostra di Ferrara, Palazzo dei Diamanti 8 dicembre 1989 – 4 febbraio, a cura di M. L. Tomea Gavazzoli, pp. 47, 135). Solitudine era stato uno dei dipinti scelti per l’acquisto da parte dell’ateneo, che dopo aver ricevuto la richiesta d’acquisto da parte del Rettore, chiederà di poter sostituire l’opera esposta in quell’occasione, con una tela più recente, Candele in riva al mare, di dimensioni inferiori e mai presentata in pubblico in precedenza, una richiesta che sarà prontamente accolta anche se purtroppo la documentazione d’archivio non consente di capire le regioni della scelta dell’artista (AUT, Busta 59, fasc. corrispondenza). Di certo le candele facevano da molto tempo dell’universo poetico dell’autore, sin dalla seconda metà degli anni trenta, quando aveva cominciato a dipingerle insieme alle maschere in ambientazioni quasi metafisiche che diventeranno una delle cifre più riconoscibili della sua opera: “le candele di Tomea appariranno un giorno, nella storia dell’arte, una clausola poeticamente definita, così come le bottiglie di Morandi […] il parallelismo di un mestiere-intelletto anche al di là delle fascinose cento versioni di quel soggetto: sfuggendo all’inerzia di un’espressione atipica, ogni itinerario pittorico del cadorino si condensa piuttosto in una maniera singolare che è tutta la sua autorità e tutta la sua misura” (R. Civello, Sulla pittura di Fiorenzo Tomea, Siena, Ausonia, 1956, p. 23). Il dipinto in esame è stato riproposto al pubblico solo in occasione delle due recentissime mostre che hanno ripercorso le vicende della Esposizione nazionale di pittura italiana contemporanea del 1953.
Type: 
URI: http://hdl.handle.net/10077/23233
Appears in Collections:Pinacoteca del Rettorato

Files in This Item:
File Description SizeFormat
110_Tomea.jpg629.32 kBJPEGThumbnail
  
See online
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

88
Last Week
1
Last month
4
checked on May 15, 2021

Download(s)

41
Last Week
1
Last month
4
checked on May 15, 2021

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.