Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/2606
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorGuagnini, Elvioit
dc.contributor.authorFoni, Fabrizioit
dc.date.accessioned2008-04-28T11:36:03Z-
dc.date.available2008-04-28T11:36:03Z-
dc.date.issued2008-04-08it
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/2606-
dc.description2006/2007it
dc.description.abstractPer quanto riguarda il primo Novecento italiano, sulla scorta di quanto affermato da Calvino, la critica letteraria si è solitamente limitata ad esaminare una produzione fantastica di stampo «intellettuale», anziché «emozionale». In realtà, per il nostro paese, è proprio la nascita di svariate riviste di taglio popolare (e dalle larghe tirature) a contribuire alla diffusione d’un racconto fantastico finalizzato alla meraviglia o al raccapriccio del lettore. “La Domenica del Corriere”, oltre ad essere la più venduta, offre un perfetto esempio di come questo tipo di narrativa acquisti sempre più spazio, contribuendo alla creazione di una scuola di autori prolifici, seppur ai limiti del dilettantismo, e proponendo – spesso per la prima volta – le traduzioni a puntate dei romanzi esteri polizieschi, fantastici o semplicemente avventurosi più noti all’epoca. La citazione nel titolo riprende la risposta, all’interno dell’anonima rubrica “Piccola Posta”, fornita a un lettore che aveva inviato un racconto giudicato dalla redazione «troppo semplice». Il "sale", le "droghe", gli "eccitanti" su cui viene posto l’accento, ben esemplificano il favore accordato dalla testata alla narrativa di genere. È in questi anni che, all’interno dei giornali, il fantastico nostrano diviene una specifica e organizzata espressione della cultura di massa, e non una curiosa e occasionale presenza, e “La Domenica del Corriere” ne rappresenta senz’altro il modello più riuscito.it
dc.language.isoitit
dc.publisherUniversità degli studi di Triesteit
dc.rights.urihttp://www.openstarts.units.it/dspace/default-license.jsp-
dc.subjectLetteratura di massait
dc.subjectLetteratura popolareit
dc.subjectFantastico e Horrorit
dc.subjectLa Domenica del Corriereit
dc.subjectPulp magazinesit
dc.subjectRiviste illustrateit
dc.subject.classificationITALIANISTICAit
dc.title" I lettori hanno bisogno di sale,di droghe,di eccitanti ". Nero, fantastico e bizzarrie varie nella Domenica del Corriere (1899-1909)it
dc.typeDoctoral Thesis-
dc.subject.miurL-FIL-LET/10 LETTERATURA ITALIANAit
dc.description.cycleXX Cicloit
dc.rights.statementNO EMBARGO-
dc.identifier.nbnurn:nbn:it:units-7199-
dc.description.birth1980-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1it-
item.openairetypedoctoralThesis-
item.openairecristypehttp://purl.org/coar/resource_type/c_db06-
item.grantfulltextopen-
item.cerifentitytypePublications-
Appears in Collections:Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
Files in This Item:
File Description SizeFormat
tesi_foni.pdf1.74 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
illustrazione_copertina_foni.pdf109.49 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s) 10

1,210
checked on Mar 4, 2021

Download(s)

14,808
checked on Mar 4, 2021

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.