Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/2615
Title: Applications and limits of raman spectroscopy in the study of colonic and pulmonary malformations.
Authors: Codrich, Daniela
Keywords: Spettroscopia RamanSpettroscopia Infra Red
Issue Date: 10-Apr-2008
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: Questa tesi nasce dalla collaborazione tra il Dipartimento di Materiali e Risorse Naturali dell’Università degli Studi di Trieste ed il Dipartimento di Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Burlo Garofalo. L’obiettivo del nostro gruppo di studio era di valutare le possibili applicazioni della spettroscopia Raman nello studio dei tessuti umani, con particolare attenzione verso i tessuti affetti da malformazioni congenite. L’interesse verso la spettroscopia Raman, che è una spettroscopia vibrazionale basata sullo scattering inelastico di fotoni, nasce dal fatto che questa tecnica può fornire dettagli precisi sulla composizione chimica e sulla struttura molecolare di cellule e tessuti. Durante lo svolgersi del progetto, sono state standardizzate le procedure di conservazione e preparazione dei campioni, i quali sono stati prelevati, con il consenso parentale, durante interventi chirurgici. Mediante l’uso di uno spettrometro Raman equipaggiato con un laser emittente luce monocromatica a 785 nm, sono stati analizzati campioni di colon e polmone normale, rappresentativi di un tessuto prevalentemente stratificato e di un parenchima omogeneo. Sono stati studiati anche tessuti polmonari malformati affetti da Malformazione Adenomatoide Cistica (CCAM) e Sequestri Broncopolmonari (BPS). Vengono descritte le procedure di acquisizione e processazione dei dati. Dopo applicazione di un’analisi multivariata come la k-means cluster analisi, sono state ottenute delle pseudo-mappe Raman colorate, che sono state poi confrontate con gli stessi campioni nativi non colorati, apposti su vetrino. Da ogni cluster sono stati estratti gli spettri Raman medi, che sono stati confrontati per evidenziare differenze fra aree diverse del campione. L’assegnazione delle principali bande alle diverse specie chimiche è stata fatta secondo la letteratura. L’analisi Raman è stata in grado di differenziare i diversi strati del colon ( sierosa, muscolatura, sottomucosa, mucosa, plessi nervosi), evidenziando strutture subcellulari in elementi nervosi quali i gangli. Sezioni normali e malformate di polmone hanno dimostrato una clusterizzazione e degli spettri medi diversi, permettendo una differenziazione tra CCAM e BPS, tanto che in un caso la nostra analisi, non concordando con la diagnosi del patologo, ha indotto una revisione dei vetrini e una riformulazione della diagnosi. Gli effetti di ampliamento del segnale Raman per risonanza di cromofori quali il gruppo eme dell’emoglobina con la radiazione a 785 nm sono stati discussi ed abbiamo proposto un metodo per minimizzare il contributo spettrale di questa molecola. Abbiamo inoltre confrontato i dati Raman con i dati ottenuti sugli stessi campioni presso l’Istituto di Chimica Analitica dell’ Università di Dresda mediante un’altra spettroscopia vibrazionale quale la spettroscopia ad Infrarosso. Ci è stata accordata per la discussione di questa tesi la possibilità di presentare i dati, per un confronto fra le due tecniche in relazione a tempi di acquisizione, risoluzione spaziale e spettrale.
This thesis originates from a collaboration of the Department of Materials and Natural Resources of the University of Trieste with the Department of Pediatric Surgery of Burlo Garofalo Hospital for Sick Children. The goal of our research group was to evaluate the possible applications of Raman spectroscopy to the study of biological tissue with particular interest toward tissues affected by congenital malformations. The interest toward Raman spectroscopy, which is a vibrational spectroscopy based on inelastic scattering of photons, arises from the fact that this spectroscopic technique can provide details of the chemical composition and molecular structures of cells and tissues. A standard procedure was defined for the preparation and preservation of samples, which were collected during surgical operations. Samples of normal colon and lung, therefore representing a stratified and homogeneous tissue types, were evaluated using a Raman spectrometer, equipped with a 785 nm emitting laser. Lung specimens affected by congenital malformations such as Congenital Cystic Adenomatoid Malformation (CCAM) and Bronchopulmonary Sequestration (BPS) were studied as well. Data acquisition and data processing procedures are described. After application of a multivariate analysis such as k-means clustering, pseudo-color Raman maps of the samples were obtained and compared with the native unstained specimens. Average spectra from the clusters were compared to extract differences among areas within the samples. Assignments of major bands in the spectra to chemical compounds were performed according to previous literature. Raman analysis was able to discriminate between the different layers of colon (serosa, muscles, mucosa, submucosa, nervous plexi), evidencing up to subcellular features in nervous elements such as ganglia. Normal and affected lung specimens showed different predominant clusters and average spectra. Raman spectroscopy could distinguish between CCAM and BPS and in one case prompted our pathologist to review and correct her previous diagnosis. Resonance enhanced Raman signals from chromophors such as the heme group of hemoglobin are evidenced and discussed and a method to minimize spectral contribution of this molecule is proposed. Comparison with another vibrational spectroscopy such as Infrared Spectroscopy showed that these two techniques are complementary rather than alternative spectroscopies. Infrared data from the same samples studied by Raman were acquired at the Institute of Analytical Chemistry of the Dresden University and granted for this dissertation. Acquisition times, spatial and spectral resolution between the two techniques are discussed.
Description: 2006/2007
URI: http://hdl.handle.net/10077/2615
NBN: urn:nbn:it:units-7210
Appears in Collections:Ingegneria industriale e dell'informazione

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
CodrichThesis.pdfTesto completo della tesi.1.99 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,379
checked on Feb 20, 2018

Download(s)

9,799
checked on Feb 20, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.