Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/2640
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorJaccod, Paoloit
dc.contributor.authorMorresi, Ottorinoit
dc.date.accessioned2008-05-07T15:05:57Z-
dc.date.available2008-05-07T15:05:57Z-
dc.date.issued2008-04-14-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/2640-
dc.description2006/2007it
dc.description.abstractL’obiettivo di fondo del presente lavoro è quello verificare se l’impresa familiare, come struttura proprietaria e di governance, possa costituire una determinante della performance aziendale e, in particolare, della valutazione che il mercato le attribuisce, definita attraverso il market-to-book ratio. L’ipotesi di fondo dalla quale origina lo studio prende le mosse dal complesso di caratteristiche “uniche” che questa forma di governance possiede. Caratteristiche, tanto positive quanto negative, delle quali si vuole analizzare l’eventuale impatto che esse possono avere sulla percezione che il mercato ha dell’impresa. L’indagine è condotta su un campione di 119 imprese italiane quotate non finanziarie, analizzate dal 2000 al 2004, per un totale di 595 osservazioni. Il carattere familiare dell’impresa viene osservato sia sotto il profilo della proprietà che dal punto di vista del coinvolgimento dei familiari nella gestione, attraverso differenti variabili dummy. Oltre alle variabili che identificano l’impresa familiare vengono impiegate diverse variabili di controllo: performance contabile, rischio dell’impresa, età e dimensione dell’impresa, proxy della struttura finanziaria, variabili proxy della potenziale presenza di problematiche di agenzia tra azionisti di maggioranza e minoranza. I risultati mostrano l’esistenza di un legame negativo e significativo tra impresa familiare e performance di mercato, che appare determinato, prevalentemente, dalle imprese familiari che hanno un CEO familiare, le quali mostrano le performance peggiori. L’evidenza, comunque, non appare molto robusta: l’uso di metodi econometrici alternativi confermano la debolezza dell’evidenza.it
dc.language.isoitit
dc.publisherUniversità degli studi di Triesteit
dc.rights.urihttp://www.openstarts.units.it/dspace/default-license.jsp-
dc.subjectimpresa familiareit
dc.subjectperformanceit
dc.subjectgovernanceit
dc.subjectmarket-to-book ratioit
dc.subjectcosti di agenziait
dc.subject.classificationFINANZA AZIENDALEit
dc.titleL'impresa familiare :modello di governance vincente? Una verifica empirica sulle imprese italiane quotate.it
dc.typeDoctoral Thesis-
dc.subject.miurSECS-P/09 FINANZA AZIENDALEit
dc.description.cycleXX Ciclo-
dc.rights.statementNO EMBARGO-
dc.identifier.nbnurn:nbn:it:units-7188-
dc.description.birth1980-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1it-
item.openairetypedoctoralThesis-
item.openairecristypehttp://purl.org/coar/resource_type/c_db06-
item.grantfulltextopen-
item.cerifentitytypePublications-
Appears in Collections:Scienze economiche e statistiche
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Family Business - capitoli - parte I.pdfTesi di dottorato - capitoli - parte I525.01 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Tabelle e Figure - parte II.pdfTabelle e figure - parte II155.78 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Bibliografia - parte III.pdfBibliografia - parte III47.94 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s) 1

5,114
Last Week
14
Last month
18
checked on Mar 4, 2021

Download(s)

42,538
Last Week
84
Last month
127
checked on Mar 4, 2021

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.