Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/2660
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorFerrero, Enricoit
dc.contributor.authorCosolo, Mauroit
dc.contributor.otherSponza, Stefanoit
dc.date.accessioned2008-05-08T10:41:44Z-
dc.date.available2008-05-08T10:41:44Z-
dc.date.issued2008-04-15it
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/2660-
dc.description2006/2007it
dc.description.abstractData la dieta ittiofaga ed i consistenti aumenti registrati a livello europeo a partire dagli anni ottanta, il Cormorano (Phalacrocorax carbo) è oggetto di ricerche mirate a quantificarne l’impatto sulle attività di acquacoltura. In Friuli Venezia Giulia queste attività corrispondono alle valli da pesca della laguna di Grado e Marano. Il presente lavoro ha come obiettivi il monitoraggio della popolazione di Cormorano, l’analisi della dieta, lo studio delle strategie comportamentali adottate nel foraggiamento e l’analisi dell’impatto nelle valli da pesca. Il periodo di studio va dall’inverno 2004/2005 al mese di febbraio 2008. Con i monitoraggi mensili si evidenzia un aumento della popolazione svernante nella zona costiera. Dall’analisi della dieta emerge un consumo prevalente di Passere (Platichthys flesus) e di Cefali (Mugilidae). L’analisi del comportamento di foraggiamento con le videoriprese relative a 230 Cormorani evidenzia che le caratteristiche ecologiche di queste due specie ittiche ne condizionano il comportamento ed il relativo successo di predazione. La Passera, specie bentonica e poco mobile, risulta una preda di facile cattura con strategia da anticipatory breather. Inoltre la distribuzione spaziale a patch di questa specie ittica ne facilita la ricerca. I Cefali invece, presenti lungo tutta la colonna d’acqua e molto mobili, determinano una difficoltà di cattura che si riflette in una strategia da reactive breather nella ricerca, ma passaggio ad anticipatory nella cattura. Per quanto riguarda le valli da pesca, nel presente lavoro si mette in luce che queste aree non sembrano essere favorevoli per l’attività trofica del Cormorano, in considerazione delle caratteristiche ecologiche di Branzini (Dicentrarchus labrax) ed Orate (Sparus auratus), che risultano simili ai Cefali. Si registrano gruppi consistenti di Cormorani in foraggiamento sociale, e quindi un impatto, solo in concomitanza delle attività di raccolta del prodotto ittico, che vengono effettuate in bacini di limitata estensione con elevate densità di pesce. Queste attività gestionali sembrano determinare gli eventi di foraggiamento sociale.it
dc.language.isoitit
dc.publisherUniversità degli studi di Triesteit
dc.rights.urihttp://www.openstarts.units.it/dspace/default-license.jsp-
dc.subjectComportamento di foraggiamento del Cormoranoit
dc.subject.classificationMETODOL.BIOMONITOR.ALTERAZIONE AMBIENTALEit
dc.titleInterazioni tra avifauna ittiofaga e attività produttive nella laguna di Grado e Marano.it
dc.typeDoctoral Thesis-
dc.subject.miurBIO/05 ZOOLOGIAit
dc.description.cycleXX Cicloit
dc.rights.statementEMBARGO 2009-04-15-
dc.identifier.nbnurn:nbn:it:units-7250-
dc.description.birth1976-
item.grantfulltextopen-
item.languageiso639-1other-
item.fulltextWith Fulltext-
Appears in Collections:Scienze biologiche
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi Dottorato Mauro Cosolo.pdf2.72 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,175
checked on Jun 10, 2019

Download(s)

2,921
checked on Jun 10, 2019

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.