Non esiste solo il maschile. Teorie e pratiche per un linguaggio non discriminatorio da un punto di vista di genere : [18] Collection home page

Browse
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 18 of 18
PreviewIssue DateTitleAuthor(s)
Dichiarazione di intenti_163-165.pdf.jpg2019Dichiarazione d’intenti per un uso non discriminatorio del linguaggioComitato per le Pari Opportunità, Università di Trieste
Profilo_autrici_167-177.pdf.jpg2019Profilo delle AutriciAdamo, Sergia ; Zanfabro, Giulia ; Tigani Sava, Elisabetta 
premessa_7-8.pdf.jpg2019PremessaVezzosi, Elisabetta 
08-fiore_85-92.pdf.jpg2019Il linguaggio sessuato nel diritto italianoFiore, Patrizia
07-martini_81-83.pdf.jpg2019Buone pratiche linguistiche nella pubblica amministrazioneMARTINI FABIANA 
06-mikolic_73-79.pdf.jpg2019Lo sloveno e la comunicazione attenta al genereMIKOLIC VESNA 
04-rega_51-61.pdf.jpg2019Pari trattamento linguistico nelle aree germanofoneREGA LORENZA 
05-celotti_63-71.pdf.jpg2019«Femme, j’écris ton nom… ?» Un’escursione nel mondo vario delle lingue francesiCELOTTI NADINE 
03-fusco_27-49.pdf.jpg2019Il genere femminile tra norma e uso nella lingua italiana: qualche riflessioneFUSCO FABIANA 
02-sbisa_17-26.pdf.jpg2019Il genere tra stereotipi e implicitiSbisà, Marina 
14-adamo_147-165.pdf.jpg2019Tutti femministi: della traduzione come attivismo linguisticoADAMO SERGIA 
01-adamo_9-16.pdf.jpg2019Non esiste solo il maschileADAMO SERGIA 
12-houbabi_117-120.pdf.jpg2019Manifesto per un rap antisessistaHoubabi, Wissal
13-zanfabro_121-146.pdf.jpg2019Translation Trouble: a proposito di Tyke Tiler, A. e GeorgeZANFABRO GIULIA 
10-regina_101-108.pdf.jpg2019L’invisibilità dei soggetti femminili nei mezzi di informazioneREGINA SIMONA 
11-pusterla_109-115.pdf.jpg2019Parlare femminista: la lingua di "Non una di meno"Pusterla, Michela
09-ferrara_93-99.pdf.jpg2019La prospettiva di genere e la contrattazione collettiva: neutralità o cecità delle norme collettive?FERRARA MARIA DOLORES 
00-Non_esiste_solo_maschile.pdf.jpg2019Non esiste solo il maschile. Teorie e pratiche per un linguaggio non discriminatorio da un punto di vista di genereADAMO SERGIA ; ZANFABRO GIULIA ; TIGANI SAVA Elisabetta 
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 18 of 18
Subscribe to this collection to receive daily e-mail notification of new additions RSS Feed RSS Feed RSS Feed

Caterina ha otto anni. La sera del 5 dicembre, come è tradizione per i bambini e le bambine che vivono nell’estremo nordest d’Italia, aspetta con ansia che tale San Nicolò passi da casa sua a portare qualche regalo. Ma perché questo succeda è necessario, naturalmente, scrivere una letterina. Quest’anno la letterina di Caterina incominciava così: “Caro/a San Nicolò/à...” Davanti allo stupore che questo incipit provocava in chiunque lo leggesse Caterina commentava: “Beh, non esiste solo il maschile...”
È vero, non esiste solo il maschile. Per quanto riguarda il genere, la lingua italiana (e non solo quella italiana) offre delle possibilità che forse non arrivano alla creatività linguistica di una bambina di otto anni, ma di sicuro sono ben superiori a quanto facciamo quotidianamente con le parole. Il genere, certo, si dà nelle norme che lo definiscono e lo impongono, ma anche nelle minuscole sovversioni che a partire da quegli stessi spazi di normatività diventano di volta in volta possibili. Di questo, in fin dei conti, si parla quando si dice che il genere è performativo. Di questo vuole dare una piccola testimonianza questo volume.

Sergia Adamo insegna Teoria della letteratura e Letterature comparate all’Università di Trieste. Tra i suoi interessi di ricerca spiccano i temi dei rapporti interculturali (narrazioni delle migrazioni, traduzioni) e delle questioni di genere (teorie femministe).

Giulia Zanfabro è dottoressa di ricerca e cultrice della materia in Teoria della letteratura all’Università di Trieste. I suoi principali ambiti di ricerca sono la letteratura per l’infanzia, la narrativa di J.M.Coetzee, le teorie femministe e gli studi di genere. Si interessa anche di comunicazione della ricerca, divulgazione scientifica e social media.

Elisabetta Tigani Sava è impegnata da sempre nella diffusione della cultura di genere, sia in ambito lavorativo presso l’Ateneo triestino sia in ambito associativo. Ha fatto e fa parte di vari Organismi di parità in ambito territoriale e non solo. Coordina dal suo nascere (2011) il Progetto di inclusione sociale “ReINcluse”, realizzato dall’Associazione “RETE D.P.I. – Nodo di Trieste” presso la Sezione Femminile della Casa Circondariale di Trieste.