Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/27164
Title: Lo sloveno e la comunicazione attenta al genere
Authors: MIKOLIC VESNA 
Keywords: coscienza linguisticalingua slovenalingua flessivamaschile genericolingua della scienza
Issue Date: 2019
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Vesna Mikolič, “Lo sloveno e la comunicazione attenta al genere” in: “Non esiste solo il maschile. Teorie e pratiche per un linguaggio non discriminatorio da un punto di vista di genere”, EUT Edizioni Università di Trieste, Trieste, 2019, pp. 73-79
Abstract: 
Il capitolo tratta della comunicazione attenta al genere in termini di lingua slovena e dei suoi utenti. Per l’uso di un linguaggio sensibile dal punto di vista di genere è necessaria una coscienza linguistica, che comprenda sia il senso dell'uso appropriato del linguaggio in una comunità sia la consapevolezza che deriva dalla lingua stessa e significhi la percezione dei singoli elementi linguistici, comprese le sue sfumature più fini. Strutturalmente, lo sloveno è una lingua flessiva, caratterizzata dalla morfologia e da un sistema produttivo di formazione delle parole. Così anche il genere in sloveno è una categoria flessiva di tutte le parti del discorso flessibili, i.e. verbo, nome e aggettivo, dunque tutti e tre i generi, femminile compreso, possono essere ben visibili. Anche dal punto di vista della formazione delle parole possiamo dire che la lingua slovena conosce molti nomi femminili per le professioni, che in alcune altre lingue esistono solo nella forma maschile. Il problema per una comunicazione attenta al genere nasce soprattutto dal fatto che in sloveno non esiste una classe di genere speciale per il riferimento all’essere umano in generale. Per questa funzione viene utilizzato il genere grammaticale maschile che viene più frequentemente usato con valore generico. A causa del cosiddetto maschile generico, le donne, così come i sostenitori dell'identità sessuale non binaria, negli ultimi decenni spesso si sentono a disagio. Per questo motivo, in Slovenia abbiamo seguito relativamente rapidamente le raccomandazioni delle organizzazioni internazionali e sono state prodotte varie linee guida per l'uso di un linguaggio sensibile al punto di vista di genere. È importante che questi problemi siano discussi anche nell’ambito accademico, perché la lingua della scienza ha molti problemi nell'assicurare l'uguaglianza di genere
Type: Book Chapter
URI: http://hdl.handle.net/10077/27164
ISBN: 978-88-5511-052-5
eISBN: 978-88-5511-054-9
Rights: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/
Appears in Collections:Non esiste solo il maschile. Teorie e pratiche per un linguaggio non discriminatorio da un punto di vista di genere

Files in This Item:
File Description SizeFormat
06-mikolic_73-79.pdf153.06 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

14
checked on Aug 3, 2019

Google ScholarTM

Check

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons