2. L’asserzione come azione linguistica: aspetti sociali, epistemici e cognitivi : [1] Collection home page

Browse
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
PreviewIssue DateTitleAuthor(s)
Cogito2_ Labinaz_online.pdf.jpg2019L’asserzione come azione linguistica: aspetti sociali, epistemici e cognitiviLABINAZ PAOLO 
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Subscribe to this collection to receive daily e-mail notification of new additions RSS Feed RSS Feed RSS Feed

L’asserzione ha attratto da tempo l’attenzione dei filosofi analitici del linguaggio e degli studiosi di pragmatica del linguaggio come atto linguistico di grande importanza se non addirittura centrale. D’altra parte vi è ampio disaccordo sulle sue caratteristiche fondamentali. Questo libro presenta una teoria dell’asserzione che mira a rendere conto dei diversi aspetti caratteristici che le sono stati riconosciuti dalle più recenti teorie filosofiche e pragmatiche che la riguardano, cercando di superare alcune loro criticità. Sulla base di un quadro teorico che si fonda sulla teoria degli atti linguistici di John L. Austin, verrà sostenuto che l’asserzione può essere considerata alla stregua di un’azione linguistica, la cui funzione caratteristica, e forse la sua stessa ragione d’essere, è data dalla sua capacità di produrre e trasmettere conoscenze.


Paolo Labinaz, attualmente ricercatore in Filosofia del Linguaggio presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Trieste, si occupa principalmente del rapporto tra ragionamento e argomentazione secondo la prospettiva della pragmatica linguistica e di teorie della razionalità nell’ambito della filosofia analitica e della psicologia cognitiva. Su questi temi ha pubblicato il volume La razionalità (Carocci, 2013) e diversi articoli su riviste e collezioni nazionali e internazionali.