Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/2771
Title: Aquileia Mater: il mito delle origini nel dibattito culturale e politico del Litorale tra XVIII e XX secolo: un'interpretazione storiografica
Authors: Plesnicar, Marco
Supervisore/Tutore: Ferrari, Liliana
Ferrari, Liliana
Issue Date: 23-Apr-2008
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: AQUILEIA MATER: IL MITO DELLE ORIGINI NEL DIBATTITO CULTURALE E POLITICO DEL LITORALE TRA XVIII E XX SECOLO. UN’INTERPRETAZIONE STORIOGRAFICA di Marco Plesnicar. Ricerca condotta con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia. Lo scopo del presente lavoro, strutturato nel lungo periodo, è quello di stimolare la riflessione intorno ad un “mito”, ossia all’idealizzazione di una serie di eventi storicamente verificatisi che esprimono i valori di una società e ne determinano scelte e comportamenti. Ho scelto la tradizione del passato aquileiese perché sono stato attratto dalla curiosità di investigare se la sua presenza nell’ambito di una folta letteratura, corrispondesse o meno a questa definizione di “mito”. I presupposti ci sono tutti: quella che ho denominato “imago aquileiensis” è fondata su un dato di fatto incontrovertibile: l’importanza, storicamente acclarata, dell’antica metropoli romana, divenuta, dal periodo costantiniano in avanti, centro d’irradiazione del cristianesimo di primaria importanza e sede titolare di un patriarcato sopravissuto per circa un millennio. Nonostante la scarsità delle fonti coeve, la memoria di Aquileia antica e paleocristiana si è rivelata quanto mai resistente al passare dei tempi, poiché ha continuato ad esistere nella rappresentazione che ne danno i contesti civili e culturali che ad essa si son richiamati, rielaborando ed interpretando frammenti del suo passato: rappresentazioni e rielaborazioni che in questo lavoro diventano a propria volta fonti. L’elaborazione dell’immagine polissemica e polimorfa di Aquileia ha potuto contare su di una bibliografia nutrita e pazientemente consolidata nel corso degli ultimi due secoli ad opera di valenti antiquari, bibliotecari e bibliografi. Ne ho seguito lo sviluppo nel tentativo di ricostruirne la progressiva affermazione, partendo dall’isolamento dei singoli elementi costitutivi del mito, di quei temi che riaffiorano di volta in volta assumento un significato ed una rilevanza notevoli e non sempre scontati: dalla grandezza della metropoli in età imperiale, alla sua decadenza apparentemente decisiva e, a tratti, “fatale”; dalla tradizione delle origini del cristianesimo aquileiese (la leggenda relativa alla fondazione di questa chiesa ad opera dell’Evangelista Marco), alla condensazione di tutti questi componenti nel momento in cui si affermano i nazionalismi, quanto mai sensibili ad un recupero funzionale del passato. Il primo capitolo (1.2 La culla del mito: Aquileia e la sua regione: brevi cenni di storia aquileiese; 1.2.1 Dalla colonia romana al centro d’irradiazione del Cristianesimo nella Venezia e nel Norico; 1.2.2 Aquileia patriarcale: la millenaria esperienza del “limes”; 1.2.3 Tra modernità e contemporaneità: il ruolo di Aquileia sull’incrocio del “confine mobile”) serve a fornire un’agile introduzione storico-storiografica della parabola aquileiese, ab origine sino all’indomani della prima guerra mondiale, offrendo così un termine di paragone che aiuta il lettore a cogliere con maggior chiarezza i punti di contatto e di divergenza che caratterizzano le interpretazioni affiorate nel corso dell’indagine. Con il capitolo secondo (“Tra storia e tradizione” suddiviso nei seguenti paragrafi: 2.1 La distruzione e la lunga decadenza. L’altra faccia del mito; 2.2 La leggenda attiliana e l’origine della decadenza; 2.3 Il mito entra nella storia: al servizio del potere) il lavoro entra in medias res: ho proposto quella che definirei quasi una “radiografia” del mito, tanto nell’accezione che si ispira all’antichità romana, quanto allo sviluppo delle tradizioni relative ai primordi del cristianesimo nella Venezia e nel Norico, traendo spunto dagli esiti delle ultime ricerche condotte sull’argomento. Mi sono soffermato, in particolare, sui richiami costanti al tema della “distruzione” e della “rinascita” della fortuna di Aquileia, concentrandomi sull’immagine di Attila e sull’interpretazione letteraria sette/ottocentesca in ambito regionale della leggenda attiliana, strettamente connessa ad Aquileia ed al suo ruolo di “antemurale Italiae”. Nel terzo capitolo Capitolo: Le radici del Mito, strutturato nei paragrafi 3.1. La visione aquileiese: identificazione dei caratteri costitutivi. 3.2. Traditio aquileiensis. Evoluzione del dibattito settecentesco; 3.3: Il mito fondante si delinea: il secolo XIX, proseguo coll’approfondimento di quanto anticipato precedentemente: tento di ricomporre lo sviluppo del dibattito settecentesco, sorto tra eruditi italiani tra Venezia e l’impero – ma non solo – intorno alle origini fondanti del cristianesimo aquileiese, in cui si fa strada una prima avanguardia della critica che agl’inizi del 1900, con Pio Paschini, raggiunge il suo acme, con lo smentire definitivamente la storicità della leggenda marciana. Il quarto capitolo Capitolo 4. “Dalla storiografia alla storia”: il mito prende forma: 4.1. L’operazione culturale legata al recupero archeologico; 4.2 Gli scavi ed il Museo archeologico; 4.3 La Basilica, costituisce il discrimen del lavoro: dall’astrazione del dibattito tra intellettuali si passa all’attuazione di piani e strategie concrete tesi a riaffermare una nuova “rinascita” del glorioso passato aquiliese mediante la riqualificazione, la conservazione e la promozione del patrimonio archeologico ivi custodito, sia esso relativo all’antichità imperiale, sia alla più grande e significativa reliquia della cristianità: la basilica popponiana. È un ambito particolarmente interessante, in quanto permette di constatare l’impegno sostenuto da parte dell’autorità politica ed ecclesiastica del tempo a favore di una politica culturale che trae fondamento dal mito aquileiese e, contestualmente, lo alimenta, assecondandolo alle proprie linee d’azione. Nel quinto capitolo 5.1 “Aquileia nostra”: la nascita della “terza Aquileia”, ho voluto evidenziare le modalità dell’utilizzo strumentale del mito aquileiese prima, durante e dopo la guerra, nel momento il cui la parola passa alle armi e si comprende una volta di più che anche il frutto della riflessione scientifica può diventare uno slogan utile a rafforzare e costruire le ideologie. Aquileia diviene un luogo particolarmente adatto ad ospitare le grandi adunate popolari promosse dagli schieramenti che si fronteggiano sul piano politico degli anni Dieci del Novecento; il suo significato propagandistico esplode durante il primo conflitto mondiale, per essere infine sublimato nell’immediato dopoguerra, alla vigilia dell’avvento della dittatura fascista, in cui Aquileia finisce per divenire una pallida emanazione della “prima Roma”. Il sesto capitolo, dedicato alla Liturgia ed in particolare alla parte dedicata al culto dei santi, ho voluto proporre l’accostamento dei testi delle lezioni che compongono gli uffici divini delle diocesi eredi del patriarcato aquileiese, Gorizia ed Udine, a partire dal Settecento sino agli inizi del Novecento. Mentre l’arcidiocesi di Udine gode di un’uniformità linguistica riconducibile all’area italiana, la sede metropolitana di Gorizia, al di là della tradizione liturgica patriarchina, ha ereditato la complessità che costituisce il tratto distintivo di quest’area, popolata da genti di ceppo friulano, sloveno e germanico. L’individuazione del richiamo a determinate figure di santi e martiri aquileiesi può rivelare la sensibilità di una Chiesa particolare nei confronti delle figure esemplari che hanno costituito il vanto e l’origine dell’esperienza cristiana delle proprie terre; tale richiamo conosce il suo punto di massima espansione nella metà dell’Ottocento, in modo abbastanza equilibrato anche se autonomo, tra le due sedi diocesane, per conoscere un significativo ridimensionamento a partire dal pontificato di Pio X, autore di una importante riforma del Breviario romano, ad opera della quale i calendari particolari delle diocesi subiscono un primo ridimensionamento a vantaggio delle feste comuni all’intera cattolicità.
Ciclo di dottorato: XIX Ciclo
metadata.dc.subject.classification: FORME CONOSC.STOR.MED.EV.ETA'CONTEMP.
Description: 2006/2007
Keywords: Aquileia Mito dibattito culturale-politico secoli XVIII-XX
Language: it
Type: Doctoral Thesis
Settore scientifico-disciplinare: M-STO/07 STORIA DEL CRISTIANESIMO E DELLE CHIESE
NBN: urn:nbn:it:units-7276
Appears in Collections:Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tesi Plesnicar definitiva.pdfTesto della tesi1.47 MBAdobe PDFView/Open
SintesiTesiDefinitiva.pdfAbstract della tesi17.76 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

994
checked on Nov 16, 2018

Download(s)

10,307
checked on Nov 16, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.