Trieste Next 2019. Salone europeo dell'innovazione e della ricerca scientifica, 27-28-29 Settembre 2019

Percorso virtuale realizzato dai volontari del Servizio Civile Nazionale

Game Of Scan

Browse

Recent Submissions

Now showing 1 - 5 of 51
  • Publication
    Cosmo e dati: sfide e misteri per il prossimo decennio
    (2019-09-29)
    Baccigalupi, Carlo
    La scienza si prepara a nuove sfide per conoscere i misteri del Cosmo. La quantità e la complessità delle informazioni richiede coordinamento globale, e nuovi metodi di analisi e comprensione dei dati. Durante l’incontro verranno descritti gli sforzi in atto verso queste sfide, e che cosa ci attende nei prossimi anni. Intervento di Carlo Baccigalupi, docente di Fisica, Gruppi di astrofisica e cosmologia, astroparticelle, SISSA
      500
  • Publication
    What’s Next? Il futuro della ricerca sul cancro
    (2019-09-29)
    Belletti, Barbara
    ;
    Del Sal, Giannino
    ;
    Melisi, Davide
    ;
    Mondino, Anna
    ;
    Vago, Luca
    ;
    Pivato, Marco
    Conferenza a cura di Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro. Intervengono: Barbara Belletti, ricercatrice biologa SOC di Oncologia Molecolare Centro di Riferimento Oncologico di Aviano (CRO), IRCCS, Giannino Del Sal, docente di Biologia applicata Università di Trieste, responsabile programma ricerca segnalazione, microambiente tumorale e metabolismo cellulare IFOM-Istituto FIRC di Oncologia molecolare di Milano, Davide Melisi, docente di Oncologia Medica Università di Verona, Anna Mondino, capo unità di ricerca Attivazione linfocitaria, IRCCS Ospedale San Raffaele, Luca Vago, capo unità di ricerca Immunogenetica, genomica e immunobiologia delle leucemie, IRCCS Ospedale San Raffaele. Modera Marco Pivato, giornalista medico-scientifico Tuttoscienze de La Stampa, autore di "Usare il cervello. Ciò che la scienza può insegnare alla politica" (La nave di Teseo)
      504
  • Publication
    Esplorare le zone polari: viaggio nel tempo con la modellistica numerica
    (2019-09-29)
    Rebesco, Michele
    ;
    Accettella, Daniela
    ;
    Colleoni, Florence
    ;
    De Santis, Laura
    L'esplorazione delle zone polari per capire quanto rispondono al cambiamento climatico è diventato cruciale. I dati raccolti sono di varia natura ma per capire quanto l'Antartide e la Groenlandia potrebbero sciogliersi nel futuro, bisogna guardare indietro nel tempo, ricostruendo la dinamica delle calotte polari. I risultati dei modelli generano centinaia di Tb di dati che danno un quadro dinamico grazie a nuovi software numerici che permettono una visualizzazione 4D che aiuta l'interpretazione delle simulazioni numeriche e permette di proporre nuove zone di esplorazione per campagne polari. Conferenza a cura di OGS Introduce Michele Rebesco, ricercatore OGS, referente tavolo artico Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale Intervengono Daniela Accettella, ricercatrice OGS sezione Infrastrutture di ricerca Florence Colleoni, ricercatrice OGS, modellista glaciologa per i processi climatici polari Laura De Santis, ricercatrice OGS, coordinatrice scientifica perforazione IODP 374 in Antartide
      545
  • Publication
    Farewell to ice
    (2019-09-28)
    Wadhams, Peter
    ;
    Casarini, Maria Pia
    ;
    Maconi, Antonio
    Lo scioglimento dei ghiacci è aumentato in maniera esponenziale e drammatica negli ultimi trent'anni e i ghiacci del Polo Nord sono la cartina al tornasole dello stato di salute del clima del pianeta. Molti scienziati ritengono che il Polo Nord sarà privo di ghiacci verso la metà del secolo, ma le loro previsioni sono basate per lo più su modelli matematici; i dati raccolti sul campo dicono che potrebbe avvenire molto prima. Molte persone, poi, pensano, sbagliando, che il destino delle inospitali distese ghiacciate dell'Artico sia una cosa della quale non vale la pena preoccuparsi alle nostre tiepide latitudini. In realtà il destino dell'Artico è la miccia che potrebbe innescare una spirale che finirebbe col coinvolgere il mondo intero. Finalista al Premio Galileo 2019 con "Addio ai ghiacci", Peter Wadhams tratterà queste tematiche, oggi più che mai all'ordine del giorno, in una keynote lecture che aiuterà il pubblico a prendere coscienza di quanto precarie siano le condizioni di vita del nostro pianeta e di quanto urgente sia cercare di invertire la rotta. Keynote lecture di Peter Wadhams, già docente di Ocean Physics University of Cambridge, autore di "Addio ai ghiacci" (Bollati Boringhieri), finalista al Premio Galileo 2019. Con la partecipazione di Maria Pia Casarini, già direttore istituto Geografico Polare "Silvio Zavatti" di Fermo, vice-presidente Polar Educators International. Conduce Antonio Maconi, direttore Trieste Next
      259
  • Publication
    Tech stories – Mini serie web dedicata a scienza, tecnologia e innovazione
    (2019-09-28)
    Cerne, Virna
    ;
    Apiolazza, Pablo
    ;
    Di Gemma, Giuseppe
    ;
    Geometrante, Raffaella
    ;
    Gregorio, Anna
    ;
    Longobardi, Federico
    La stampa 3D di modelli anatomici che aiutano a ridurre tempi ed errori in sala operatoria, i nano-satelliti per la trasmissione di grandi quantità di dati, i prodotti alimentari che migliorano la vita delle persone con specifiche esigenze nutrizionali, le reti di sensori da aggrappare alla piante per migliorare resa e qualità dei raccolti, le sofisticate tecnologie utilizzate dagli acceleratori in tutto il mondo per lo studio della materia. Questi i temi delle cinque storie raccontate in una mini serie web, in visione in anteprima nel corso di questo incontro. Al centro le motivazioni e le passioni che hanno mosso alcuni imprenditori e ricercatori di Area Science Park nei loro progetti di ricerca e sviluppo tecnologico di grande impatto sociale, economico e scientifico. Incontro a cura di Area Science Park. Intervengono: Pablo Apiolazza, regista e art director APZmedia, Virna Cerne, direttore R&D Dr. Schär, Giuseppe Di Gemma, amministratore delegato Aid4Med, Raffaella Geometrante, direttore generale Kyma, Anna Gregorio, amministratore delegato e co-fondatore di Picosats, Federico Longobardi, cofondatore Primo Principio
      252