Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/2822
Title: De pauore uersus seiungendi. "Riscoperta" del verso melico greco (Böck 1811) e la sua ricezione novecentesca
Authors: Tessier, Andrea
Keywords: BöckhmetricaPindarometricsPindar
Issue Date: 2008
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Series/Report no.: Polymnia: Studi di filologia classica
10
Abstract: 
Il ‘sistema’ sticometrico böckhiano ha avuto una fortuna debordante e pressoché esclusiva e, ancor più nel secolo appena trascorso che nel periodo immediatamente successivo alla sua formulazione, generazioni di interpreti hanno provveduto a estenderne l’applicazione ai testi ‘melici’ che il grande filologo non aveva espressamente indagato, in primis le sezioni cantate del dramma. In quanto segue si tenterà ora una solo abbozzata indagine sulla continuità del metodo böckiano proprio nel testo da cui esso è originato, gli Epinici pindarici. Con l’aiuto di alcuni esempi è chiaro che non solo nelle sticometrie di sezioni meliche, specie drammatiche, non esplicitamente organizzate da Böckh, ma persino nella lirica corale, dove egli aveva instaurato il suo nuovo metodo, la pratica analitica dei suoi successori è andata soggetta alle medesime incomprensioni di esso, spesso per difetto di rilettura diretta delle sue chiare pagine d’analisi.

The Böckh’s stichometric 'system' had a fortune almost exclusively, and even more in the century that just ended rather than in the period immediately after its formulation, generation of interpreters have taken to extend the coverage to the melic texts that the great philologist had not specifically investigated, firstly the sung sections of the drama. In what follows we will attempt now only sketched survey on the continuity of the method of Böckh in the text from which it originates, the Pindar’s Epinicia. With the help of some examples it is clear that not only in stichometries of melic sections, particularly tragic, not explicitly organized by Böckh, but even in the choral lyric, where he introduced his new method, the analytic practice of his successors has been subject to the same misunderstandings of it, often for lack of a direct reading of its clear pages of analysis.
Description: 
pp. 1-16
Type: Book
URI: http://hdl.handle.net/10077/2822
ISBN: 9788883032356
Appears in Collections:07. Incontri triestini di filologia classica (2007-2008)

Files in This Item:
File Description SizeFormat
TESSIER.pdf209.54 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 20

909
checked on Nov 25, 2020

Download(s) 20

2,145
checked on Nov 25, 2020

Google ScholarTM

Check

Altmetric


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.