Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/29137
Title: Materiali nanostrutturati e nanotecnologie
Authors: Giovanni Comelli
Issue Date: 29-Oct-2019
Abstract: 
Nel 1959 Richard Feynman, uno dei fisici più celebri di tutti i tempi, tenne al California Institute of Technology una famosa lezione, dal titolo “C’è un sacco di spazio giù in fondo”, attraverso la quale pose le basi per quello che in seguito sarebbe divenuto il campo delle nanotecnologie. Alcune delle sue intuizioni visionarie furono poste in futuro, col suo stile tipico, arguto e irridente, come sfide pratiche destinate a chiunque volesse raccoglierle. A 60 anni di distanza, cercheremo di esaminare come si sia sviluppato il campo delle nanotecnologie, al punto che studiare e manipolare la materia sulla scala delle dimensioni tipiche degli atomi è divenuta oggi una solida realtà.

Relatore

Giovanni Comelli è docente di Fisica della materia e direttore del Dipartimento di Fisica presso l’Università di Trieste. Si occupa della preparazione e caratterizzazione sperimentale di superfici nanostrutturate di materiali, utilizzando varie tecniche complementari di indagine, sia con l’ausilio di luce di sincrotrone che con strumenti convenzionali di laboratorio. Ha realizzato campagne di misura in diversi laboratori di ricerca a livello internazionale e pubblicato oltre duecento articoli scientifici su riviste del campo.
Type: Video
URI: http://hdl.handle.net/10077/29137
Rights: Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 Internazionale
Appears in Collections:Caffè delle Scienze e delle Lettere 2019

Files in This Item:
File Description SizeFormat
II incontro caffè quanti 29 ott.mp41.93 GBMP4Thumbnail
  
Play!
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

139
Last Week
1
Last month
3
checked on Oct 25, 2020

Download(s)

55
Last Week
0
Last month
0
checked on Oct 25, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons