Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/29430
Title: Claudio Magris e il lungo addio alla modernità
Authors: Furlani, Simone
Issue Date: 2019
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Simone Furlani, "Claudio Magris e il lungo addio alla modernità" in: "2019 / 24 Prospero. Rivista di letterature e culture straniere", EUT Edizioni Università di Trieste, Trieste, 2019, pp. 77-93
Journal: Prospero. Rivista di letterature e culture straniere 
Abstract: 
In questo articolo, cercheremo di ricostruire lo sfondo filosofico (ovvero estetico, storico-filosofico e critico-letterario) entro il quale Magris colloca Il mito absburgico e la sua ricerca complessiva, mettendo in luce alcuni concetti che diventano fondamentali sia all’interno della sua prospettiva critica sia all’interno della sua opera letteraria. In particolare prenderemo in considerazione il significato peculiare, non esclusivamente negativo, che in Magris assume il concetto di “crisi” (della ragione, dell’io e, dunque, della modernità). Mostreremo poi come tale concezione venga impiegata con estremo rigore nell’affrontare alcuni temi centrali dell’opera e della poetica dell’autore: il tempo, una memoria che passa attraverso la scrittura, una storia che non si esaurisce nella ricostruzione del passato, ma che impone un’attenzione altissima nei confronti del presente.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/29430
ISSN: 1123-2684
eISSN: 2283-6438
DOI: 10.13137/2283-6438/29430
Rights: Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 Internazionale
Appears in Collections:2019 / 24 Prospero. Rivista di letterature e culture straniere

Files in This Item:
File Description SizeFormat
6_XXIV_2019_online.pdf267.87 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

221
checked on Oct 3, 2022

Download(s)

103
checked on Oct 3, 2022

Google ScholarTM

Check

Altmetric

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons