Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/29677
Title: L’assetto manifatturiero della Campania attraverso una lettura geocartografica
Other Titles: The manufacturing structure of Campania through a geocartographic reading
Authors: Amodio, Teresa
Keywords: Produzione manifatturieraCampaniaGISManufacturing ProductionCampania Region
Issue Date: 2019
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Teresa Amodio, "L’assetto manifatturiero della Campania attraverso una lettura geocartografica/The manufacturing structure of Campania through a geocartographic reading", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia, 165 (2019), pp. 45-58
Journal: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 
Abstract: 
La ricerca analizza il sistema manifatturiero della Campania, reduce
da una profonda crisi che ha colpito su larga scala il settore nell’ultimo
trentennio, al fine di intercettare la sopravvivenza di realtà produttive
e di ambiti localizzativi tali da poter prospettare uno scenario
di rilancio e di recupero di una tradizione industriale che sia nuovamente
significativa per l’economia regionale.
L’ancoraggio concettuale del lavoro risiede nella copiosa letteratura
che assegna al settore secondario un ruolo di fondamentale importanza
nel supportare le traiettorie di sviluppo locale.
In termini metodologici si è scelto di operare in ambiente GIS così da
poter analizzare i livelli informativi presi in considerazione attraverso
una lettura quali-qualitativa della complessità che caratterizza la
manifattura regionale.
Lo scopo finale è quello di dare evidenza alla presenza di ambiti produttivi
di eccellenza che, nonostante i diffusi fenomeni di dismissione
presenti su ampie aree della trama urbana regionale, convivono
con dinamiche produttive di tipo distrettuale, oltre che di aree di
crisi, complesse e non complesse, per le quali sono in atto tentativi di
rilancio offerti dalle più recenti politiche industriali nazionali.

The research analyzes the manufacturing system of Campania, coming
back from a deep crisis that has hit the sector in the last thirty
years on a large scale, in order to intercept the survival of productive
realities and localization areas such as to be able to envisage a scenario
of revival and recovery of an industrial tradition that is again
significant for the regional economy.
The conceptual line of the work lies in the copious literature that assigns
to the secondary sector a role of fundamental importance in
supporting the trajectories of local development.
In methodological terms it was decided to operate in a GIS environment
so as to be able to analyze the information levels taken into consideration
through a qualitative and qualitative reading of the complexity
that characterizes regional manufacturing.
The final aim is to highlight the presence of production areas of excellence
which, despite the widespread phenomena of divestment present
on large areas of the regional urban fabric, coexist with districttype
production dynamics as well as complex and non-complex crisis
areas, for which attempts are being made to revive offered by the
most recent national industrial policies.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/29677
ISSN: 0044-9733
eISSN: 2282-572X
DOI: 10.13137/2282-572X/29677
License: Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 Internazionale
License URL: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 165

Files in This Item:
File Description SizeFormat
AIC_165_Amodio.pdf6.05 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record

This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons



CORE Recommender

Page view(s)

31
checked on Apr 1, 2020

Download(s)

18
checked on Apr 1, 2020

Google ScholarTM

Check

Altmetric

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons