Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/3077
Title: Le indagini sotto copertura
Authors: Barrocu, Giovanni
Supervisore/Tutore: Marchetti, Maria Riccarda
Marchetti, Maria Riccarda
Issue Date: 2-Apr-2009
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: Il lavoro di stesura della tesi si è proposto, in particolare, di analizzare e approfondire la tematica dell’agente undercover – oggetto di copiosi studi nell’ambito sostanziale – sotto il meno esplorato profilo del suo inquadramento nelle dinamiche processuali, al fine di verificare la legittimità del ricorso al tale strumento, i limiti operativi dello stesso nonché il suo apporto gnoseologico alla fase dibattimentale. A tale fine, si è proceduto attraverso una iniziale ricognizione evolutiva dell’istituto partendo dalle prime ricostruzioni dottrinali dell’ottocento sino alla normativa attuale. Gli aspetti di maggiore interesse procedimentale hanno avuto ad oggetto, innanzitutto, il tentativo di chiarire i dubbi ermeneutici relativi alla sua classificazione come attività di prevenzione, ovvero come vera e propria ricerca della prova, in funzione repressiva, all’interno di un procedimento penale regolarmente instaurato. Inoltre, si è proceduto all’analisi delle diverse normativa speciali – relative, tutte, a reati di particolare gravità o allarme sociale – che sotto la vigenza del nuovo codice hanno provveduto ad introdurre la possibilità di ricorrere all’agente undercover e, nel dettaglio, a verificare quali siano i rapporti fra i diversi soggetti protagonisti delle indagini preliminari alla luce del necessario inquadramento della disciplina speciale nell’ordinario ambito codicistico di svolgimento delle investigazioni stesse. Un altro importante aspetto della ricerca riguarda la posizione processuale che l’agente sotto copertura, una volta esaurita la sua attività mascherata, viene ad assumere. In tal senso si sono registrate le diverse ricostruzioni dottrinali e giurisprudenziali da un lato orientate al principio del cosiddetto “recupero del sapere investigativo” e dall’altro rivolte a non limitare il diritto di difesa e, ancor di più, il principio del contraddittorio nella formazione della prova, senza dimenticare i fisiologici problemi relativi alla tutela dell’identità dell’agente sotto copertura e della propria incolumità. Tali problematiche sono state affrontate al fine di porre in luce quali siano i riflessi sull’aspetto che indubbiamente suscita il maggior interesse per la sua capacità di influenzare la decisione: l’utilizzazione probatoria dell’attività undercover. Si è infine concluso con una breve indagine comparatistica degli ordinamenti continentali e di common law al fine di trarne utili indicazioni per apporti normativi de iure condendo.
Ciclo di dottorato: XXI Ciclo
metadata.dc.subject.classification: SCIENZE PENALISTICHE
Description: 2007/2008
Keywords: undercover
sotto copertura
indagini
infiltrato
agente provocatore
Language: it
Type: Doctoral Thesis
Settore scientifico-disciplinare: IUS/16 DIRITTO PROCESSUALE PENALE
NBN: urn:nbn:it:units-7402
Appears in Collections:Scienze giuridiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Le_indagini_mascherate_pdf.pdfTesi.pdf803.49 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,537
Last Week
264
Last month
0
checked on Nov 17, 2018

Download(s)

33,455
checked on Nov 17, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.