Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/30816
Title: Carsharing in Italia: i servizi offerti e la domanda di servizi innovativi
Authors: Rotaris, Lucia 
SIGURA ALICE 
Scorrano, Mariangela 
Keywords: Mobilità condivisainnovazionepreferenze dichiarateSharing mobilityinnovationstated preferences
Issue Date: 2020
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Lucia Rotaris, Alice Sigura, Mariangela Scorrano, "Carsharing in Italia: i servizi offerti e la domanda di servizi innovativi", in: Stefania Patrizia Sonia Rossi (a cura di), "Superando il guado. Innovazione, esportazioni e strategie delle imprese tra vincoli finanziari, ambientali e di capitale umano", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2020, pp. 185-196.
Abstract: 
I servizi di carsharing (CS) possono mitigare alcune delle esternalità negative generate dai trasporti, tra cui la congestione e l’inquinamento atmosferico, incentivando l’uso del trasporto pubblico e della mobilità attiva. I servizi attualmente offerti in Italia sono prevalentemente di tipo tradizionale, con una flotta di veicoli di proprietà del gestore del servizio prenotabili dall’utenza attraverso piattaforme online o smarphone e accessibili attraverso smart cards o applicativi per cellulare. Queste forme di CS sono diffuse soprattutto nelle aree urbane ad alta densità abitativa poiché per essere economicamente sostenibili richiedono un tasso di utilizzo dei veicoli molto elevato. Nelle aree meno densamente abitate o nelle città di medio-piccole dimensioni potrebbe avere più successo il CS peer-to-peer (CSP2P) che richiede investimenti iniziali molto più contenuti rispetto ai servizi tradizionali e presenta una maggiore capillarità e varietà dell’offerta di veicoli. Il presente lavoro ha il duplice obiettivo di descrivere i servizi di CS attualmente offerti in Italia distinguendo tra servizi tradizionali e servizi innovativi, e di descrivere la domanda potenziale per CSP2P in Friuli-Venezia Giulia, una regione a bassa densità abitativa in cui questa forma di CS potrebbe avere più probabilità di successo dei servizi tradizionali.

Carsharing (CS) services can mitigate some of the negative externalities generated by transport, including congestion and air pollution. The services currently offered in Italy are mainly traditional (business-to-consumers, B2C), with fleets that can be booked through online platforms or smartphones, are accessible through smart cards or mobile applications and are owned by service providers. These forms of CS are widespread especially in urban areas with high population density, since in order to be economically sustainable they require high vehicle utilization rates. Peer-to-peer (P2P) CS could be more successful in less densely populated areas or in medium-small towns, since it requires smaller initial investments and can be supplied on a large scale with a wider variety of vehicles. The objective of this paper is twofold which is to describe the CS services currently offered in Italy, distinguishing between traditional (B2C) and innovative (P2P) services, and to analyze the potential demand for P2P CS in Friuli-Venezia Giulia, a low population density region in which this form of CS may have more chances of success than the traditional one.
Type: Book
URI: http://hdl.handle.net/10077/30816
ISBN: 978-88-5511-161-4
eISBN: 978-88-5511-162-1
Rights: Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 Internazionale
Appears in Collections:Superando il guado. Innovazione, esportazioni e strategie delle imprese tra vincoli finanziari, ambientali e di capitale umano

Files in This Item:
File Description SizeFormat
9_Superando_il_guado_online.pdf204.31 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

15
checked on Aug 14, 2020

Download(s)

3
checked on Aug 14, 2020

Google ScholarTM

Check

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons