Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/3108
Title: La solvibilità delle imprese assicuratrici: linee evolutive ed aspetti critici
Authors: Furlan, Chiara
Keywords: solvibilità
Issue Date: 6-Apr-2009
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: Presentazione Il tema della solvibilità di una impresa assicurativa è per sua natura un argomento ampio in quanto nello stabilire le regole per garantire la solidità finanziaria vengono coinvolti vari aspetti dell’impresa: quali la vita gestionale, i settori di attività, la riassicurazione. Assicurare la stabilità dei propri affari e cautelarsi da imprevisti, che hanno ripercussioni finanziarie, è una naturale esigenza per qualsiasi impresa e in qualsiasi epoca. Nel tempo, però, cambia il modo in cui affrontare questo argomento e mutano gli eventi dai quali mettersi al riparo. Già nel 1630 (Sandström 2006) la solvibilità era delineata come “la capacità di pagare tutti i debiti legali”. Sarà nel 1724 (Hägg 1998) che si parlerà esplicitamente di solvibilità quando un mercante di Amburgo propose di fondare una compagnia di assicurazione a Stoccolma. La proposta fu accettata dal governo svedese soltanto a patto che la compagnia fosse stata capace di dimostrare la sua solidità patrimoniale e la sua “capacità di solvenza” nelle diverse situazioni. La compagnia aveva capitali adeguati, garanzie e depositi tali da poter iniziare la sua attività. Da questi primi esempi, si può intuire che, nel passato, un dissesto finanziario portava al coinvolgimento di molte persone però sempre in numero limitato rispetto a quanto avviene oggi. Attualmente, infatti, con l’allargamento dei mercati e la globalizzazione, le vicende di un‘impresa coinvolgono non soltanto il comparto di competenza ma hanno ripercussioni nel settore finanziario, bancario, nel settore immobiliare e nella produzione. I recenti fatti ne sono una prova. In particolare, una compagnia assicurativa si trova responsabile nei confronti dei propri assicurati e nei confronti del mercato e per tale motivo le viene richiesto un adeguato livello di solvibilità. Vediamo come è opportuno impostare e sviluppare questo tema in termini più precisi. Come già detto, l’impresa assicuratrice con una assegnata, alta probabilità deve far fronte ai propri impegni che derivano dalla propria gestione assicurativa, deve cioè avere un assegnato livello di “solvibilità”. Per questa necessità deve disporre di adeguati mezzi propri. Le formule di sintesi (short-cut) permettono di commisurare la necessaria entità dei mezzi propri al livello di rischiosità relativo alla gestione assicurativa, espresso tramite le riserve matematiche, i capitali sotto rischio, i capitali riassicurati o, ancora, da altre quantità collegate al portafoglio. Il risultato di queste formule è il “minimo margine di solvibilità”. Dall’altra parte i dati di bilancio di una impresa assicuratrice verificano la presenza di mezzi propri in misura non inferiore all’importo del minimo margine di solvibilità. Tale verifica deve aver luogo secondo uno schema prefissato che stabilisca quali voci del bilancio far rientrare nella determinazione dei mezzi propri riconosciuti all’assicuratore ai fini della solvibilità, cioè l’entità del “margine di solvibilità” posseduto. In estrema sintesi, quindi, le questioni riguardanti la “solvibilità” si concretizzano nel definire il “minimo margine di solvibilità” e nel verificare se l’assicuratore possiede un “margine di solvibilità” uguale o superiore al minimo. A livello europeo, le direttive in materia di assicurazione vita e assicurazione non vita (1973-1979) propongono un minimo margine calcolato come percentuale fissa delle riserve matematiche e dei capitali sotto rischio. Il metodo non tiene conto dell’effettivo profilo di rischio della compagnia se non nella misura delle quantità usate come elementi di calcolo. D’altra parte con l’affinarsi degli strumenti matematici per quantificare le situazioni di incertezza (per esempio: valutazioni di probabilità, processi stocastici) e il supporto tecnico offerto dagli strumenti informatici per simulare tali situazioni hanno portato le imprese ad acquisire una maggiore sensibilità alle problematiche inerenti al rischio. Questo elemento nel contesto più ampio di cambiamenti economici, unificazione dei mercati, allargamento delle frontiere ha spinto le imprese, anche quelle assicurative, a imporsi nuovi obiettivi e di conseguenza nuovi assetti e regole. Nel 1998 nel Congresso Internazionale degli Attuari si parlò per la prima volta di Solvency II, come di un nuovo progetto per rivedere gli attuali regimi di solvibilità. Si intenda bene che la denominazione ”Solvency II” non è il nome di una direttiva dedicata apposta all’argomento, ma è soltanto un progetto tuttora in fase di evoluzione e di definizione che ha l’obiettivo di dare una struttura alla solvibilità più sensibile alle esigenze del mercato e al profilo di rischio della impresa di assicurazione. Certamente il progetto trova in Basilea II una fonte di ispirazione, per esempio la suddivisione in pilastri, ma nel contempo mantiene propri elementi che lo caratterizzano. La materia di Solvency II è molto articolata e trova elementi di spunto nei regolamenti di associazioni ed enti che operano a livello europeo, delle associazioni di professionisti del settore, nei regolamenti di contabilità, e nei regolamenti di altri Paesi europei e non. Paesi Bassi, Svizzera, Germania, ad esempio, calcolano le liability, che si contrappongono agli asset, ognuno in maniera diversa includendo i margini prudenziali a vari livelli. La diversità nel considerare i margini di rischio introduce alla questione di chi sovvenziona i margini stessi: gli assicurati con i loro premi caricati o l’impresa con il suo capitale. Non va trascurato in tale contesto l’aspetto fiscale. Da questi primi cenni espositivi, si intuisce che l’argomento solvibilità è esteso e cattura l’interesse di chi si avvicina al settore assicurativo. Il presente lavoro tenta di cogliere gli aspetti evolutivi della solvibilità, partendo dalle prime impostazioni e descrivendo gli elementi di novità che in qualche modo sono rilevanti nel definire l’assetto di quello che sarà Solvency II. Il lavoro va letto in chiave propedeutica, come primo passo per avvicinarsi a queste problematiche e come base di partenza per gli ulteriori sviluppi su temi che si stanno, già, affrontando in questo settore. Vengono, infatti, definiti i concetti basilari e descritte le strutture dei modelli di stima della solvibilità in alcuni Paesi. I modelli portano ciascuno ad una definizione di minimo margine che, come abbiamo detto all’inizio, è la componente essenziale della solvibilità. Pertanto verranno analizzate le logiche, sottostanti ai modelli, relative alla componente del margine. Il primo capitolo introduce l’argomento raccogliendo le definizioni di margine di solvibilità e di solvibilità inquadrandole nella normativa europea. Nel capitolo successivo sono esposti i lavori di Campagne che rappresentano il punto di partenza per lo studio della solvibilità e gli ulteriori passi che conducono verso le Direttive europee nel settore assicurativo vita e non vita. Il regime attuale di Solvency I è analizzato nel terzo capitolo per entrambi i rami. Con il quarto capitolo si entra maggiormente nel dettaglio riportando normative e contributi di enti o associazioni che a vario titolo sono coinvolte, anche se pur non direttamente, nel processo di rinnovamento della solvibilità. Il capitolo 5 mostra come alcune nazioni affrontano il problema della solidità economica dell’impresa assicuratrice attraverso diversi modelli. Si evidenziano le varie impostazioni e si illustrano i metodi per trovare i margini. I “sistemi interni” vengono con maggior dettaglio trattati nel capitolo successivo. Infine nell’ultimo capitolo si attuerà un confronto tra i modelli di stima della solvibilità delle nazioni considerate.
Description: 2007/2008
URI: http://hdl.handle.net/10077/3108
NBN: urn:nbn:it:units-7431
Appears in Collections:Scienze economiche e statistiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
tesi Furlan.pdftesto unico1.54 MBAdobe PDFView/Open
presentazione.pdfunico file di presentazione25.9 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,452
checked on Feb 17, 2018

Download(s)

15,155
checked on Feb 17, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.