Ugo Betti. Un intellettuale tra diritto, letteratura, teatro e nuovi media : [1] Collection home page

Browse
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
PreviewIssue DateTitleAuthor(s)
Ugo Betti_Online.pdf.jpg2022Ugo Betti. Un intellettuale tra diritto, letteratura, teatro e nuovi media
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Subscribe to this collection to receive daily e-mail notification of new additions RSS Feed RSS Feed RSS Feed

Nato a Camerino nel 1892 e morto a Roma nel 1953, Ugo Betti è stato un poeta, narratore, drammaturgo e giudice. Personaggio complesso, ha approfondito la questione della distinzione, sempre problematica e difficile, tra bene e male. La dimensione giudiziaria è stata centrale nell’opera teatrale, anche se non è stata l’unica componente della sua scrittura, all’interno della quale è reperibile una dimensione poetica e fiabesca non trascurabile. Tra i temi privilegiati resta comunque la coscienza di quanto sia difficile, e pur tuttavia necessario, tendere ad una giustizia efficace e corretta. Un autore del Novecento, dunque, eppure ancora molto attuale, anche perché le istanze di verità e giustizia che la sua opera ha espresso restano sempre drammaticamente attuali. La rivisitazione dell’opera di Betti è anche l’occasione per porre alcune questioni di fondo sul rapporto tra universo giuridico e universo letterario che da sempre si intersecano e traggono profitto l’uno dall’altro


Paolo Quazzolo è professore associato di Storia del Teatro presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Trieste. Ha al suo attivo circa 150 pubblicazioni scientifiche tra monografie e saggistica. Collabora alla redazione dell’Edizione Nazionale delle Opere di Carlo Goldoni. Si occupa inoltre del teatro tra Otto e Novecento, della nascita della regia, delle dinamiche del teatro nella società delle masse, della nascita e sviluppo dei Teatri Stabili in Italia. È stato Coordinatore scientifico del Sistema Museale dell’Ateneo triestino, ed è coordinatore del “Caffè delle Lettere” dell’Università di Trieste, iniziativa di Terza Missione volta a far conoscere al grande pubblico l’attività di ricerca svolta in Ateneo. Insegna, oltre che all’Università di Trieste, anche al corso di laurea Dams interateneo Trieste/Udine, nonché alla Facoltà di Pedagogia dell’Università di Pola (Croazia). Dirige un gruppo di ricerca sul turismo narrativo nonché un gruppo di ricerca sui nuovi linguaggi comunicativi.