Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/3902
Title: Dispotismo e “ragion di Stato” in Samuel Sorbière
Authors: Cappelletti, Franco Alberto
Keywords: VeritàVerosimiglianzaLibero PensieroDispotismoAutoritàObbedienzaOrdine
Issue Date: 2010
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Series/Report no.: Tigor: rivista di scienze della comunicazione A. II (2010) n.2 (luglio-dicembre);
Abstract: Il concetto di Verità elaborato dalla filosofia classica, e vivificato dall’apporto cristiano, vacilla vistosamente tra il XVI e il XVII secolo. Al suo posto subentra quello di verosimiglianza - proposto dallo scetticismo di Pirrone al tramonto della polis greca - rivalutato nel XVI secolo da Montaigne e Charron ed elevato poi a fondamento di un sapere all’altezza dei tempi dai sempre più numerosi seguaci del “libero pensiero”. La verità è ricerca senza una meta prestabilita, una “queste” infinita guidata esclusivamente dal riferimento alla ragione e all’esperienza e alla comunicazione. Questa ansia innovatrice non lascia indifferente Sorbière che si allontana dal calvinismo per interrogarsi sui rapporti tra libertà umana e prescienza divina e fa suo il motto di Orazio “sapere aude” invocato dall’amico e maestro Gassendi. In una rivendicazione piena della libertà di pensare, di cercare e comunicare le verità possibili al di fuori dei limiti imposti da qualsiasi Chiesa, dogma o ragion di Stato.
URI: http://hdl.handle.net/10077/3902
ISSN: 2035584x
Appears in Collections:05 Tigor. Rivista di scienze della comunicazione. A. II (2010), n. 2 (luglio-dicembre)

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
cappelletti.pdf109.94 kBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

605
checked on Oct 18, 2018

Download(s)

1,592
checked on Oct 18, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.