Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/4576
Title: Hydroxyethylene isosters of Xaa-Pro dipeptides: synthetic approaches and new HIV-PR inhibitors
Authors: Ostric, Adrian
Keywords: HIV protease inhibitorsenaminone synthesishydroxyethylene isosterstriazole isostersolefin metathesis
Issue Date: 8-Apr-2011
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: The aspartic protease (HIV-Pr) of the human immunodeficiency virus, responsible agent for AIDS, is surely one of the most studied enzymes in terms of structure and activity. HIV-Pr is responsible for cleaving the viral polyprotein precursor into structural proteins and enzymes and plays an essential role in the viral replication and maturation. HIV-Pr has thus become the target of numerous efforts to design antiviral therapeutic agents suitable for the treatment of AIDS. In the field of organic chemistry, the search for effective HIV-Pr inhibitors has boosted the development of new methodologies for the stereoselective synthesis of compounds containing multiple chiral centers, on which reversible inhibitors are generally based. HIV-Pr shows peculiar characteristics as it is able, unlike any other eukaryotic aspartic protease, to hydrolyze amide bonds with proline as the N-terminal residue. Moreover, it is active in a dimeric form, possessing C2 symmetry, in which each monomer contributes a catalytic aspartate. The first part of the present doctoral work described in Chapter 2, has been dedicated to the synthesis of hydroxyethylene Phe-Pro isosters in which the pyrrolidine ring is expanded by a condensed aromatic ring in order to provide a better fit to the enzyme’s catalytic site. During the synthesis of the isoster a novel reaction was discovered in which enaminones are directly formed by treatment of α,β-unsaturated ketones with trimethylsilylazide and fluoride. Phe-Pro isosters based on the enaminone structure showed moderate activity as HIV-Pr inhibitors. The direct amination of α,β-unsaturated ketones is the subject of Chapter 3. This reaction is demonstrated to be general for enones containing a β-hydrogen. A mechanism based on azide activation via formation of a pentacoordinated silicon species followed by a 1,3-dipolar cycloaddition is proposed and supported by experimental results and calculations. In Chapter 4 is reported the synthesis of a library of triazole inhibitors by a combinatorial approach based on click chemistry. The library was screened for HIV-Pr inhibition and deconvoluted. A set of promising members from the library was synthesized as single, enantiomerically pure compounds that confirmed to be active HIV-Pr inhibitors. Finally, in Chapter 5 the development of an alternative approach to dipeptide isosters, based on the ring closing metathesis of aminoacid-derived allylamines, is described. Building of the four carbon atom backbone of the isosteres is obtained after mounting the olefins on designed linkers that allow selectivity in the cross metathesis, and easy final cleavage. Carbamate linkers will also allow also protection of the amino groups during the next steps of the synthesis leading to the desired di- and monohydroxyethylene isosters.
La proteasi aspartica (HIV-PR) del virus della immunodeficienza umana, l'agente responsabile dell'AIDS, è sicuramente uno degli enzimi più studiati in termini di struttura e di attività. HIV-Pr è responsabile della scissione della poliproteina virale in proteine strutturali ed enzimi e svolge un ruolo essenziale nella replicazione e maturazione del virus. HIV-Pr è così diventato il bersaglio di numerosi studi mirati alla progettazione di agenti terapeutici antivirali adatti per il trattamento dell'AIDS. 
Nel campo della chimica organica, la ricerca di efficaci inibitori dell'HIV-Pr ha stimolato lo sviluppo di nuove metodologie per la sintesi stereoselettiva di composti contenenti più centri chirali, che costituiscono la base strutturale della maggior parte degli inibitori reversibili. 
HIV-Pr presenta caratteristiche peculiari in quanto è in grado, unica tra le proteasi aspartiche da eucarioti, di idrolizzare legami ammidici con la prolina come residuo N-terminale. Inoltre, l’enzima è attivo in una forma dimerica, con simmetria C2, in cui ogni monomero contribuisce con un residuo catalitico di acido aspartico. 
La prima parte del presente lavoro di dottorato, descritta nel capitolo 2, è stata dedicata alla sintesi di isosteri idrossietilenici del dipeptide Phe-Pro, contenenti un anello pirrolidinico espanso al fine di migliorare le interazioni con il sito catalitico dell'enzima. Durante la sintesi dell’ isostere è stata scoperta una nuova reazione di formazione di enaminoni per trattamento di chetoni α,β-insaturi con trimethylsilylazide e fluoruro. Alcuni isosteri Phe-Pro basati sulla struttura enaminonica hanno mostrato una moderata attività come inibitori della HIV-PR. 
L'amminazione diretta di chetoni -insaturi è il soggetto del capitolo 3. Questa reazione si è dimostrata essere generale per enoni contenente un idrogeno in posizione β. Un meccanismo basato sulla attivazione della azide attraverso la formazione di una specie pentacoordinata di silicio seguita da una cicloaddizione 1,3-dipolare viene proposto sulla base dei risultati sperimentali e di calcoli teorici. 
Nel capitolo 4 è riportata la sintesi di una libreria di inibitori triazolici ottenuti con un approccio combinatoriale. La libreria è stato analizzata per l'inibizione di HIV-Pr e deconvoluta. Alcuni membri promettenti della biblioteca sono stati sintetizzati come composti singoli, in forma enantiomericamente pura, confermandosi attivi inibitori della HIV-PR. 
Infine, nel capitolo 5, é descritto lo sviluppo di un approccio alternativo a isosteri di dipeptidi, basato sulla “ring closing methatesis” di allilamine derivate da aminoacidi. La costruzione dello scheletro degli isosteres si ottiene dopo l’assemblaggio delle olefine su un nuovo linker che consente una cross-metatesi selettività nonché un facile distacco del prodotto. Il linker può anche essere utilizzato come gruppo proteggente nella successiva elaborazione sintetica dei prodotti.
Description: 2009/2010
URI: http://hdl.handle.net/10077/4576
NBN: urn:nbn:it:units-9054
Appears in Collections:Scienze chimiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
PhD Thesis Adrian Ostric.pdfTesi di Dottorato5.57 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

855
checked on Apr 19, 2018

Download(s)

2,014
checked on Apr 19, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.