Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/7324
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorSuerz, Monica-
dc.date.accessioned2012-07-09T09:42:58Z-
dc.date.available2012-07-09T09:42:58Z-
dc.date.issued2012-
dc.identifier.citationMonica Suerz, "Etica del virtuale", in: Tigor: rivista di scienze della comunicazione, IV (2012) 1, pp. 45-53it_IT
dc.identifier.issn2035-584x-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/7324-
dc.description.abstractCome tutte le trasformazioni epocali, anche l’attuale e profonda mutazione registrata in seguito all’avvento della Rete ha dimensioni globali portando a problemi sociali, culturali, economici e giuridici. Internet, senza cadere in acritiche esaltazioni o demonizzazioni, è una tecnologia particolarmente malleabile, suscettibile di essere profondamente modificata dal suo impiego sociale con relative ripercussioni (positive e non) sulla libertà nonché sulla sicurezza individuale e pubblica. Ogni tecnologia infatti, sebbene sia certamente neutra rispetto all’uso che se ne fa, può essere utilizzata per scopi e con modalità moralmente accettabili o inaccettabili. È facile tuttavia constatare che i dilemmi posti dalla Rete non sono riconducibili squisitamente alla netiquette. Non sono infrequenti infatti comportamenti perseguibili penalmente, in quanto la Rete ha purtroppo ampliato sia il novero dei reati che le possibilità di commettere gli stessi. È dunque di fondamentale importanza in un periodo storico così denso di mutamenti che il diritto si apra sempre più agli eventi, cambiando i propri schemi interpretativi, aggiornando le normative e gli orditi legislativi e, quando è possibile, anticipando i fenomeni, in modo tale da non trovarsi impreparato e limitarsi così ad offrire soluzioni tampone in delicati settori. La Rete si configura pertanto come una sorta di “banco prova” per un’autonomia normativa che vede gli stessi utenti, al contempo, sia quali produttori di regole che soggetti alle loro regole. Questa autonomia trova ragion d’essere non tanto in costruzioni di natura teorica (ergo, opzioni valoriali) ma nell’impossibilità di un ordinamento giuridico gerarchizzato sovranazionale di intervento. Tutti noi siamo quindi in definitiva demandati a meccanismi di auto-governance del sistema e, al di là di essa, al senso di responsabilità delle aziende, dei programmatori, di noi stessi utenti.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherEUT Edizioni Università di Triesteit_IT
dc.relation.ispartofseriesTigor: rivista di scienze della comunicazioneit_IT
dc.relation.ispartofseriesIV (2012)1 (gennaio-giugno)it_IT
dc.subjectRete e tecnologie informatiche-
dc.subjectInfosfera-
dc.subjectInternet e giurisprudenza-
dc.subjectDisciplina etica-
dc.subjectNetiquette-
dc.titleEtica del virtualeit_IT
dc.typeArticle-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1it-
item.openairetypearticle-
item.grantfulltextopen-
Appears in Collections:08 Tigor. Rivista di scienze della comunicazione. A. IV (2012), n. 1 (gennaio-giugno)
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Suerz_Tigor_1_2012.pdf691.87 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,011
Last Week
1
Last month
2
checked on Nov 19, 2019

Download(s)

789
checked on Nov 19, 2019

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.