Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/7333
Title: Le indagini internazionali TIMSS e PISA: problemi di comparazione ed alcune riflessioni più generali sulla scuola italiana
Authors: Gori, Enrico, Raffaella F. Marin
Keywords: Indagini internazionaliApprendimento della matematicaEfficacia della scuola primaria e secondariaEffetto della corruzione sull’apprendimentoValore aggiunto
Issue Date: 2012
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Enrico Gori, Raffaella F. Marin, "Le indagini internazionali TIMSS e PISA: problemi di comparazione ed alcune riflessioni più generali sulla scuola italiana", in: Tigor: rivista di scienze della comunicazione, IV (2012) 1, pp. 140-144
Series/Report no.: Tigor: rivista di scienze della comunicazione
IV (2012)1 (gennaio-giugno)
Abstract: 
Attraverso la rielaborazione dei dati delle indagini internazionali
TIMSSa e PISAb, si mette in discussione l’idea,
ampiamente diffusa nella ricerca educativa, che il nodo
problematico della scuola italiana sia costituito dalla
scuola media inferiore. In particolare si evidenzia che
le recenti conclusioni di un rapporto della Fondazione
Agnelli, secondo cui il livello delle conoscenze di matematica
e scienze degli studenti italiani si ridurrebbe nel
passaggio dal 4° grado all’8° grado di istruzione, sono
del tutto infondate, oltre che concettualmente errate. Si
evidenzia inoltre un elemento di possibile criticità per la
scuola primaria: in particolare, alla luce del vantaggio
relativo di cui godono gli studenti italiani attraverso
una formazione pre-primaria di 3 anni a carattere quasi
universale, ci sarebbe da attendersi delle performance
ben al di sopra della media mondiale, cosa che invece
non risulta dalle indagini TIMSS. Infine si sottolinea la
forte correlazione tra corruzione, misurata dagli organismi
internazionali, e livello di conoscenze di matematica
a 15 anni secondo PISA, e se ne discute il possibile
nesso di causa-effetto, alimentato purtroppo anche da
politiche mal congegnate come quelle di incentivazione
dell’Università, attualmente basate sul numero di iscritti
e sul numero di esami sostenuti. La soluzione sta invece
in politiche che pongano una crescente attenzione sui
livelli di conoscenze-competenze effettivamente acquisiti
in uscita e sui requisiti di accesso all’università, così
da innescare una catena virtuosa “retroattiva” che dalle
scuole medie superiori si propaghi alle medie inferiori,
fino a raggiungere la scuola primaria.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/7333
ISSN: 2035-584x
Appears in Collections:08 Tigor. Rivista di scienze della comunicazione. A. IV (2012), n. 1 (gennaio-giugno)

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Gori_Martin_Tigor_1_2012.pdf776.52 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,424
checked on Oct 16, 2019

Download(s)

818
checked on Oct 16, 2019

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.