Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/7444
Title: La negazione della violenza nella costruzione della mascolinità
Other Titles: Violence and its denial in the construction of masculinity
Authors: Beltramini, Lucia
Supervisore/Tutore: Romito, Patrizia
Issue Date: 20-Apr-2012
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: Il mio studio si propone di indagare come i meccanismi di negazione della violenza e di disimpegno morale (Bandura, 1999; Romito, 2005) agiscono per occultare le violenze che ragazzi e uomini possono trovarsi a vivere nei contesti militari e sportivi. La scelta dei due contesti d’indagine è stata dettata dal loro configurarsi come istituzioni tradizionalmente maschili (Connell, 1996; Messner, 2002), improntate ai valori della disciplina e del rigore e come luoghi di passaggio - o di permanenza per lungo tempo - per la maggior parte dei ragazzi e degli uomini nella nostra società, soprattutto fino all’abolizione della leva obbligatoria. I quadri teorici di riferimento hanno riguardato, da una parte, le teorie sociologiche relative alla costruzione sociale delle mascolinità (West & Zimmerman, 1987), ai concetti di omosocialità (Bird, 1996; Flood, 2008) e di mascolinità egemone (Connell, 1996; 2000); dall’altra, le teorie psico-sociali che analizzano i meccanismi di disimpegno morale (Bandura, 1996; 1999; Cohen, 2002) e le tattiche di negazione della violenza (Hearn, 1998; Herman, 2005; Romito, 2005; Scully & Marolla, 1984). Metodo. Considerata la relativa assenza di studi sull’argomento, ho utilizzato una metodologia di ricerca di tipo qualitativo-esplorativo e lo strumento dell’intervista qualitativa per la raccolta dei dati, un metodo che permette di indagare una tematica in profondità e di far emergere il punto di vista dei partecipanti, la loro visione del mondo, l’insieme di valori e significati che attribuiscono alle esperienze (Denzin & Lincoln, 2005). Ho realizzato due studi di caso: il primo ha riguardato uomini con esperienze militari (n = 29); il secondo ha visto il coinvolgimento di sportivi di alto livello (n =13). I campioni sono stati definiti ricorrendo ad una strategia di campionamento intenzionale e “a valanga” (Denzin & Lincoln, 2003). Nel corso delle interviste ho analizzato le esperienze di violenza - subite o agite - degli uomini, indagando come la violenza viene descritta, concettualizzata e rappresentata ed esplorando a che scopo, e con quali strategie, viene eventualmente negata. I partecipanti hanno rilasciato un consenso informato scritto alla partecipazione ed è stato garantito loro l’anonimato e la riservatezza dei dati raccolti. Le interviste sono state registrate, trascritte verbatim e sottoposte ad analisi qualitativa. Il lavoro di analisi e interpretazione dei risultati ha seguito l’approccio della Grounded Theory integrato dall’analisi dei quadri teorici di riferimento (Kauffman, 2009). Risultati. Dall’analisi dei colloqui è emerso che i contesti indagati sono molto simili tra loro. In entrambi, i valori dominanti sono quelli della disciplina, del rispetto e della competizione; la forma ideale di mascolinità è quella egemone; l’unico orientamento sessuale accettabile è l’eterosessualità. Per quanto riguarda le esperienze di violenza, tutti gli uomini con esperienze militari e buona parte degli sportivi (otto su tredici) riportano atti di violenza vissuti tra commilitoni o compagni. Proprie del sistema militare sono umiliazioni, abusi psicologici e verbali, minacce, ma anche pesanti violenze fisiche; permane il silenzio per quanto riguarda violenze e molestie sessuali. Al contrario, le “iniziazioni” a sfondo sessuale caratterizzano la realtà dello sport, nella quale si ritrovano anche atti di violenza fisica o umiliazioni tra compagni di squadra. Nonostante la gravità e la frequenza di tali atti, nella quasi totalità dei casi gli uomini negano la violenza, ricorrendo a numerose tattiche di occultamento (Hearn, 1998; Romito, 2005) e a complessi meccanismi di disimpegno morale (Bandura, 1999). Le violenze vengono “eufemizzate”, definite come scherzi o rituali che non provocano conseguenze negative, e sono viste come legittime e a volte addirittura necessarie per crescere (diventare uomini) ed entrare a far parte del gruppo maschile. L’amicizia tra gli uomini - così come viene definita dagli intervistati - sembra infatti costruirsi banalizzando e negando le violenze, in un processo che permette di occultare le dinamiche di dominazione interne al genere maschile. Conclusioni: Gli uomini sono spesso vittime della violenza di altri uomini, ma tendono a minimizzarla e negarla. La negazione contribuisce a rafforzare le relazioni omosociali maschili e l’adesione ai valori della mascolinità egemone; allo stesso tempo, creando una cultura di legittimazione e accettazione della violenza, può influenzare anche i rapporti che gli uomini instaurano con le donne. Questo studio, analizzando e “snaturalizzando” pratiche considerate normali e accettabili, ha permesso di mettere in luce alcune delle radici di comportamenti - la violenza tra gli uomini e degli uomini sulle donne -, che costituiscono un grave problema sociale e di salute pubblica (WHO, 2002; 2010). Da qui si possono sviluppare nuove strategie e strumenti educativi e preventivi che permettano di costruire una cultura basata sulla reciprocità, il rispetto e la non violenza.
Ciclo di dottorato: XXIV - Ciclo
metadata.dc.subject.classification: SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN NEUROSCIENZE E SCIENZE COGNITIVE - indirizzo PSICOLOGIA
Description: 2010/2011
Keywords: violenza
mascolinità
negazione
ricerca qualitativa
Language: it
Type: Doctoral Thesis
Settore scientifico-disciplinare: M-PSI/05 PSICOLOGIA SOCIALE
NBN: urn:nbn:it:units-9217
Appears in Collections:Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Beltramini_phd.pdfTesi dottorato2.2 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,746
checked on Nov 11, 2018

Download(s)

7,102
checked on Nov 11, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.