Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/8082
Title: Abitare la distanza: l’isola Trieste
Authors: Rovatti, Pier Aldo
Issue Date: 2012
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Pier Aldo Rovatti, "Abitare la distanza: l’isola Trieste", in: C. Ferrini, R. Gefter Wondrich, P. Quazzolo, A. Zoppellari (a cura di), "Civiltà del mare e navigazioni interculturali: sponde d’Europa e l’ “isola” Trieste", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2012, pp. 210-214
Abstract: 
In una riflessione insieme filosofica e autobiografica, viene approfondito il significato
del vissuto di un abitante non nativo di Trieste, per cui la città è diventata
la propria città. Trieste viene pensata come città terramare la cui anima è
caratterizzata positivamente dall’oscillazione e dallo spaesamento. Sul filo delle
categorie del pensiero contemporaneo, viene individuata una analogia profonda
con la struttura, dinamica e in tensione, del “desiderio”, come già Calvino aveva
fatto con la forma sdoppiata di Despina, città di confine tra il deserto e il mare.
Type: Book
URI: http://hdl.handle.net/10077/8082
ISBN: 978-88-8303-458-9
Appears in Collections:Civiltà del mare e navigazioni interculturali: sponde d’Europa e l’ “isola” Trieste

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Rovatti_Civilta_del_mare.pdf158.13 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 20

1,049
Last Week
1
Last month
0
checked on Nov 27, 2020

Download(s) 50

1,644
checked on Nov 27, 2020

Google ScholarTM

Check

Altmetric


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.