Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/8610
Title: Profili penali negli appalti pubblici: dallo schema legislativo alla normativa antimafia
Authors: Chicco, Donatella
Supervisore/Tutore: Barbieri, Maria Cristina
Issue Date: 19-Apr-2013
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: La presente trattazione affronta un settore specifico del diritto penale con l’obiettivo di contribuire alla riflessione su una materia, quella degli appalti pubblici, che è in continua, magmatica evoluzione e costantemente al centro dell’attenzione giuridica non meno che politica e sociale. Del resto, è ormai da due decenni che il settore delle gare d’appalto italiano è testimone di una serie di cambiamenti che, da un lato, sono la conseguenza di un necessario adeguamento della normativa nazionale a quella comunitaria, ma, dall’altro, rappresentano i diversi passaggi della vita economica ed istituzionale del Paese. Il primo aspetto considerato interessa la ricostruzione del contesto entro il quale si colloca il Codice dei contratti, per poi passare alla legislazione penale con particolare riferimento ai reati dei pubblici ufficiali e dei privati contro la Pubblica amministrazione, fino ad arrivare alle più recenti evoluzioni legislative, prime fra tutte le nuove disposizioni introdotte dal Codice antimafia. In una seconda fase vengono affrontate tematiche rilevanti, sia in dottrina che in giurisprudenza, quali la disciplina relativa alle cause di esclusione dei soggetti concorrenti alla contrattazione pubblica, ai sensi dell’art. 38 del d.lgs. 163/2006 e s.m.i. Sotto un profilo strettamente penalistico, sono messe in luce le criticità di un sistema vittima di una evidente iper-regolamentazione che ha comportato solo il proliferare, a ritmo incalzante, di regole, sia sostanziali che processuali, le prime doppiate, poi, in gran parte, nelle varie sedi regionali e, infine, accompagnate da sempre più analitiche disposizioni regolamentari. Nell’ambito di questo percorso, l’indagine prosegue approfondendo il sistema di condizionamento mafioso all’interno delle gare ad evidenza pubblica e le misure adottate dal nostro ordinamento per arginare tale fenomeno. Infine, si allungherà lo sguardo ad altri sistemi penali e, in particolare, a quelli europei di civil law, nonché alle più recenti iniziative sovranazionali nel campo della lotta alla criminalità organizzata, al fine di completare il bagaglio di conoscenze utili per proporre alcune ipotesi di riorganizzazione normativa concernente i temi trattati, in un’ottica di semplificazione e di perfezionamento del sistema delle gare d’appalto.
Ciclo di dottorato: XXV Ciclo
metadata.dc.subject.classification: SCIENZE PENALISTICHE
Description: 2011/2012
Keywords: appalti pubblici
reati dei pubblici ufficiali contro la P.A.
reati dei privati contro la P.A.
requisiti generali di ammissione alle gare d'appalto
nuovo codice antimafia
codice dei contratti
Language: it
Type: Doctoral Thesis
Settore scientifico-disciplinare: IUS/17 DIRITTO PENALE
NBN: urn:nbn:it:units-10046
Appears in Collections:Scienze giuridiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Chicco_phd.pdfTESI DI DOTTORATO XXV CICLO1.59 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

3,886
Last Week
5
Last month
checked on Nov 14, 2018

Download(s)

11,988
checked on Nov 14, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.