Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/8627
Title: Responsabilità degli enti e reati informatici: profili sostanziali e processuali
Authors: Spinelli, Adriano
Supervisore/Tutore: Bernasconi, Alessandro
Issue Date: 19-Apr-2013
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: L’ingresso, all’alba del nuovo millennio, della responsabilità penale delle persone giuridiche ha rappresentato una innovazione di non poco momento nel panorama giuridico italiano. Superato il dogma societas delinquere non potest, l’impresa diviene imputabile per i reati commessi, nel suo interesse o a suo vantaggio, da persone ad essa intranee. Altro intervento legislativo di particolare rilievo è dato dalla legge sulla criminalità informatica del 18 marzo 2008 n. 48; con essa si rinnova la disciplina dettata nei primi anni Novanta dello scorso secolo, con la l. 23 dicembre 1993 n. 547. I primi capitoli del presente lavoro mirano a coniugare le tematiche accennate, prendendo spunto dall’introduzione nel d.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 dell’art. 24-bis, attraverso il quale la responsabilità dell’ente viene in essere laddove siano commessi crimini informatici. In particolare, delineati nel primo capitolo i profili storico-comparatistici della responsabilità “penale” dell’impresa, nel secondo capitolo viene ricostruito il complesso meccanismo di imputazione elaborato dal legislatore italiano: l’interesse o il vantaggio dell’ente derivante dal reato commesso da un “apicale”, ovvero da un “subordinato”. Segue l’analisi dei modelli di organizzazione, gestione e controllo previsti dagli artt. 6 e 7 d.lgs. n. 231 del 2001, dei quali si espongono ed esaminano la struttura e la funzione. Il terzo capitolo concerne il menzionato art. 24-bis del decreto. Premessi taluni cenni circa l’evoluzione legislativa in materia di criminalità informatica, l’attenzione si focalizza sul contenuto del dettato normativo: i reati presupposto puntualmente individuati, da un lato, e le sanzioni (e misure cautelari) previste, dall’altro lato. Il quarto ed ultimo capitolo ha ad oggetto le disposizioni processuali della l. n. 48 del 2008, con le quali si è proceduto alla tipizzazione dei mezzi di ricerca della prova digitale: ispezione, perquisizione e sequestro di dati informatici. Una innovazione di non poco conto, si diceva, la quale, tuttavia, desta talune perplessità. Poste in luce le molteplici criticità evidenziate dalla dottrina, sono suggeriti alcuni interventi correttivi, necessari per garantire la corretta elaborazione dell’evidenza digitale.
Ciclo di dottorato: XXV Ciclo
metadata.dc.subject.classification: SCIENZE PENALISTICHE
Description: 2011/2012
Keywords: responsabilità da reato degli enti
modelli di organizzazione, gestione e controllo
reati informatici
investigazioni informatiche
digital evidence
Language: it
Type: Doctoral Thesis
Settore scientifico-disciplinare: IUS/16 DIRITTO PROCESSUALE PENALE
NBN: urn:nbn:it:units-10057
Appears in Collections:Scienze giuridiche

Files in This Item:
File Description SizeFormat
spinelli_phd.pdfTESI DOTTORATO1.95 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

1,387
checked on Dec 15, 2018

Download(s)

4,964
checked on Dec 15, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.