Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/8917
Title: Esistono barriere linguistiche all'umorismo di David Lodge? La traduzione italiana di 'Small World'
Authors: Campanini, Silvia
Keywords: Small World di David Lodge"Il professore va al congresso"Teoria e pratica della traduzioneEffetti umoristiciEspedienti linguistici e stilistici
Issue Date: 1992
Publisher: Campanotto Editore Udine
Source: Silvia Campanini, "Esistono barriere linguistiche all'umorismo di David Lodge? La traduzione italiana di 'Small World'", in: Rivista internazionale di tecnica della traduzione n°0, Udine, Campanotto Editore (1992), pp. 105-110"
Series/Report no.: Rivista internazionale di tecnica della traduzione
0
Abstract: 
E' per una sfortunata coincidenza che Mondo
Piccolo sia già il titolo di una nota opera di Guareschi e
che, per evitare ambiguità, si sia dovuta proporre la
versione italiana di Small World di David Lodge con un
titolo diverso, Il professore va al congresso,
un'alternativa piuttosto sconcertante e forse l'elemento
meno fedele di tutta la traduzione, che nel complesso
rispecchia il carattere umoristico satirico dell'originale e
ne riproduce accuratamente i contenuti quasi sempre
con una naturalezza che non lascia supporre le
difficoltà incontrate nel rendere il linguaggio spesso
densamente idiomatico di Lodge. La versione italiana
possiede senza dubbio una sua autonoma dimensione
letteraria e va apprezzata per le qualità stilistiche, la
sapiente scelta dei mezzi espressivi e la disinvoltura e
la scioltezza della forma linguistica che rendono la
lettura coinvolgente e al contempo gratificante. Date queste premesse, si vuole sottolineare che il
presente articolo non ha finalità critiche in senso
stretto, né vuole essere una pedissequa descrizione
delle equivalenze semantiche o lessicali o una tediosa
disquisizione sulla fedeltà ai singoli elementi testuali,
partendo invece dal presupposto che
è piuttosto in termini di equivalenza
funzionale che si intendono rintracciare i criteri che
hanno guidato le traduttrici (Mary Buckwell e Rosetta
Palazzi) nella riproduzione dei messaggi dell'originale,
in particolare là dove l'effetto umoristico scaturisce da
particolari espedienti linguistici e stilistici.
Type: Book Chapter
URI: http://hdl.handle.net/10077/8917
ISSN: 1722-5906
Appears in Collections:Rivista internazionale di tecnica della traduzione n.00 - 1992

Files in This Item:
File Description SizeFormat
RITT-00-SCampanini.pdf940.09 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 20

882
checked on Jul 6, 2022

Download(s) 20

1,075
checked on Jul 6, 2022

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.